DOMANI IN VIGORE IL NUOVO D.M. 14 GENNAIO 2008

04/03/2008

18.655 volte
Count down a -1 per l’entrata in vigore delle nuove Norme tecniche emanate con Decreto del Ministro delle Infrastrutture 14 gennaio 2008 pubblicato sul supplemento ordinario n. 30 alla Gazzetta ufficiale n. 29 del 4 febbraio 2008.
Ricordiamo che le nuove norme tecniche entreranno in vigore domani ma, in verità, in riferimento a quanto previsto dall’articolo unico della legge 28 febbraio 2008, n. 31 di conversione del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248, per il periodo transitorio sino al 30 giugno 2009, sarà possibile utilizzare facoltativamente le nuove norme tecniche, quelle precedenti approvate con D.M. 14 settembre 2005 oppure quelle rilevabili nei decreti del Ministro dei lavori pubblici 20 novembre 1987, 3 dicembre 1987, 11 marzo 1988, 4 maggio 1990, 9 gennaio 1996 e 16 gennaio 1996.

Sempre nell’articolo 20 del citato decreto-legge n. 248/2007, così come modificato dalla legge di conversione n. 31/2008, viene precisato che:
  • per le costruzioni e le opere infrastrutturali iniziate, nonché per quelle per le quali leamministrazioni aggiudicatrici abbiano affidato lavori o avviato progetti definitivi o esecutivi prima dell’entrata in vigore della revisione generale delle Norme tecniche per le costruzioni approvate con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 14 settembre 2005, continua ad applicarsi la normativa tecnica utilizzata per la redazione dei progetti, fino all’ultimazione dei lavori e all’eventuale collaudo;
  • il differimento del termine al 30 giugno 2009 non opera per le verifiche tecniche e le nuove progettazioni degli interventi relativi agli edifici di interesse strategico e alle opere infrastrutturali la cui funzionalità durante gli eventi sismici assume rilievo fondamentale per le finalità di protezione civile, nonché relativi agli edifici ed alle opere infrastrutturali che possono assumere rilevanza in relazione alle conseguenze di un loro eventuale collasso;
  • le verifiche tecniche di cui all’articolo 2, comma 3, della ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri n. 3274 del 2003, ad esclusione degli edifici e delle opere progettate in base alle norme sismiche vigenti dal 1984, devono essere effettuate a cura dei rispettivi proprietari entro il 31 dicembre 2010, e riguardare in via prioritaria edifici e opere ubicati nelle zone sismiche 1 e 2.
Precisiamo, per ultimo che, con l’entrata in vigore della citata legge n. 31/2008 è stata scongiurata la possibilità che nel periodo compreso tra l’1 gennaio 2008 ed il 5 marzo 2008 l’unica norma disponibile fosse il D.M. 14/9/2005 e, quindi, anche in tale periodo restano valide le progettazioni effettuate nel rispetto dei precedenti decreti ministeriali del 1996.

A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa