IN ANTEPRIMA LA VERSIONE DEFINITIVA APPROVATA DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI

09/04/2008

9.657 volte
La normativa in materia di sicurezza è il risultato di una stratificazione di norme, molte delle quali di derivazione comunitaria, emanate nell’arco di quasi sessanta anni.
Il Governo, nella consapevolezza della assoluta priorità della materia della sicurezza, ha perseguito con convinzione l’obiettivo di procedere al riassetto ed alla riforma delle disposizioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
A tale scopo, la legge delega 3 agosto 2007, n. 123, ha previsto, non solo un’operazione di riorganizzazione della normativa di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro bensì anche la rivisitazione della medesima materia attraverso l’armonizzazione di tutte le leggi vigenti in una logica unitaria ed innovativa e nel pieno rispetto delle previsioni dell’art. 117 della Costituzione, il cui terzo comma attribuisce alla competenza ripartita di Stato e Regioni la materia della tutela e sicurezza del lavoro.

Il Decreto Legislativo nella versione definitiva approvata dal Consiglio dei Ministri dell’1 aprile scorso è composti dai seguenti 13 titoli:
  • Titolo I - Principi Comuni (artt. 1 - 61)
  • Titolo II - Luoghi di Lavoro (artt. 62 - 68)
  • Titolo III - Uso delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale (artt. 69 - 87)
  • Titolo IV - Cantieri temporanei e mobili (artt. 88 - 160)
  • Titolo V - Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro (artt. 161 - 166)
  • Titolo VI - Movimentazione manuale dei carichi (artt. 167 - 171)
  • Titolo VII - Attrezzature munite di videoterminali (artt. 172 - 179)
  • Titolo VIII - Agenti fisici (artt. 180 - 220)
  • Titolo IX - Sostanze pericolose (artt. 221 - 265)
  • Titolo X - Esposizione ad agenti biologici (artt. 266 - 286)
  • Titolo XI - Protezione da atmosfere esplosive (artt. 287 - 297)
  • Titolo XII - Disposizioni in materia penale e di procedura penale (artt. 298 - 303)
  • Titolo XIII - Norme transitorie e finali (artt. 304 - 306)
In particolare i Titoli IV e V, dopo la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale andranno a sostituire i precedenti decreti legislativi 14 agosto 1996, n. 494 e n. 493 che vengono abrogati dal comma 1 dell’articolo 304 del nuovo decreto decreto legislativo.

Nel Titolo IV relativo ai Cantieri temporanei e mobili è possibile notare la seguente corrispondenza tra gli articoli del D.Lgs. n. 494 e quelli del nuovo decreto:

D.Lgs. n. 494/1996   
Nuovo D.Lgs.
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
All. I
All. II
All. III
All. IV
All. V
88
89
90
91
92
93
94
95
96
98
99
100
101
102

103
104


157
158
159
160
All. X
All. XI
All. XII
All. XIII
All. XIV


Nel Ttolo V relativo alla Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro è possibile notare la seguente corrispondenza tra gli articoli del D.Lgs. n. 493 e quelli del nuovo decreto:

D.Lgs. n. 493/1996   
Nuovo D.Lgs.
1
2
3
4
5
6
7
8
All. I
All. II
All. III
All. IV
All. V
All. VI
All. VII
All. VIII
All. IX
161/162
163

164



165/166
All. XXIV
All. XXV
All. XXVI
All. XVII
All. XVIII
All. XXIX
All. XXX
All. XXXI
All. XXXII
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa