AFFIDAMENTO SOLO AD INGEGNERI

28/05/2008

2.178 volte
La progettazione e la conduzione di opere idrauliche non possono essere affidate ad architetti in quanto di competenza degli ingegneri. Questo è in sintesi quanto stabilito dal TAR Calabro di Catanzaro che ha confermato la competenza professionale esclusiva degli ingegneri per la progettazione e conduzione di opere idrauliche.

Il TAR ha risposto in merito ad un ricorso presentato dal Consiglio dell'Ordine degli Ingegneri che ha impugnato una delibera che affidava l'incarico progettuale della rete di distribuzione idrica comunale ad una équipe di tecnici, composta da 5 ingegneri e 2 architetti. Il Consiglio dell'Ordine degli Ingegneri ha fatto presente come questa delibera violasse gli articoli 51 e 52 del Regio decreto 23 ottobre 1925, n. 2537, che affermano:
  • Art. 51 - Sono di spettanza della professione d'ingegnere, il progetto, la condotta e la stima dei lavori per estrarre, trasformare ed utilizzare i materiali direttamente od indirettamente occorrenti per le costruzioni e per le industrie, dei lavori relativi alle vie ed ai mezzi di trasporto, di deflusso e di comunicazione, alle costruzioni di ogni specie, alle macchine ed agli impianti industriali, nonché in generale alle applicazioni della fisica, i rilievi geometrici e le operazioni di estimo.
  • Art. 52 - Formano oggetto tanto della professione di ingegnere quanto di quella di architetto le opere di edilizia civile, nonché i rilievi geometrici e le operazioni di estimo ad esse relative. Tuttavia le opere di edilizia civile che presentano rilevante carattere artistico ed il restauro e il ripristino degli edifici contemplati dalla L. 20 giugno 1909, n. 364 , per l'antichità e le belle arti, sono di spettanza della professione di architetto; ma la parte tecnica ne può essere compiuta tanto dall'architetto quanto dall'ingegnere.
La risposta del TAR non si è fatta attendere, confermando come la progettazione di una rete di distribuzione idrica comunale fa parte delle opere di ingegneria idraulica e che per tale motivo è di competenza degli ingegneri. C'è da sottolineare, però, che nel caso in esame la progettazione della rete idrica era stata affidata ad una équipe di professionisti formata sia da ingegneri che da architetti, per questo motivo si potrebbe obiettare che tale affidamento non viola l'art. 51 né tantomeno il 52, essendo una équipe un gruppo di persone che, mettendo a disposizione le loro diverse competenze, cercano di risolvere un problema o un incarico attraverso una visione plurima.

Ai posteri l'ardua sentenza…


© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa