PUBBLICATO SULLA GAZZETTA UFFICIALE IL DECRETO LEGISLATIVO

02/05/2008

48.802 volte
Sul supplemento ordinario n. 108 alla Gazzetta ufficiale n. 101 del 30 aprile 2008 è stato pubblicato il Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n, 81 recante “Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.”.
La promessa è stata, quindi, mantenuta ed il nuovo decreto legislativo approda in Gazzetta la vigilia del 1° maggio Il nuovo decreto legislativo è composto da 306 articoli (suddivisi in 13 titoli) e da 51 allegati tecnici e successivamente all’entrata in vigore, fissata per il prossimo 15 maggio (anche se la parte principale del provvedimento e cioè la valutazione dei rischi aziendali entrerà in piena operatività il 29 luglio a 90 giorni dalla pubblicazione), saranno abrogate le seguenti norme:
  • il decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1955, n. 547;
  • il decreto del Presidente della Repubblica 7 gennaio 1956 n. 164;
  • il decreto del Presidente della Repubblica 19 marzo 1956, n. 303, fatta eccezione per l’articolo 64;
  • il decreto legislativo 15 agosto 1991, n. 277;
  • il decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626;
  • il decreto legislativo 14 agosto 1996, n. 493;
  • il decreto legislativo 14 agosto 1996, n. 494;
  • il decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 187;
  • l’articolo 36 bis, commi 1 e 2 del decreto legge 4 luglio 2006 n. 223, convertito con modificazioni dalla legge 5 agosto 2006 n. 248;
  • gli articoli: 2, 3, 5, 6 e 7 della legge 3 agosto 2007, n. 123.
Con la pubblicazione del decreto legislativo e con la definitiva versione dell’articolo 90 che, in verità contiene alcune piccole modifiche rispetto all’ultima versione circolata qualche giorno addietro, dovrebbero essere superati i dubbi e le incertezze sull’obbligo di utilizzare il Durc nei lavori provati non soggetti al permesso di costruire.
Ma i principali dubbi dei mesi trascorsi hanno riguardato il problema delle sanzioni ritenute da Confidustria eccessivamente pesanti ed onerose, con un peso eccessivo delle stesse a scapito della prevenzione e della formazione.
La bocciatura del D.Lgs. sulla sicurezza è stata condivisa, anche, dal nuovo presidente Emma Marcegaglia e dal Senatore Maurizio Sacconi che dopo le elezioni del 13 aprile ha dichiarato “Riconvocheremo imprese e sindacati non solo per modificare il testo unico, troppo sbilanciato sulle pene, ma anche per concordare iniziative più decise sulla formazione e sulla semplificazione”.
La prospettiva che il nuovo D.Lgs. subisca presto alcune modifiche è stata, però, nettamente scartata dai sindacati e dal sottosegretario al Lavoro uscente Antonio Montanino che ha precisato “Tutte le leggi sono perfettibili e questo vale, naturalmente anche per il testo unico. Ritengo, però, che prima di ritoccare le nuove misure a tutela della salute dei lavoratori, le stesse andrebbero applicate e ne andrebbe verificata l’efficacia sul campo. Il tempo per le modifiche c’è. Per i decreti correttivi la delega concede 12 mesi dall’entrata in vigore”.
Ricordiamo che il Decreto si compone dei seguenti titoli:
  • Titolo I - (art. 1-61) - Principi comuni (Disposizioni generali, sistema istituzionale, gestione della previdenza nei luoghi di lavoro, disposizioni penali)
  • Titolo II (art. 62-68) - Luoghi di lavoro (Disposizioni generali, Sanzioni)
  • Titolo III (art. 69-87) - Uso delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale (Uso delle attrezzature di lavoro, uso dei dispositivi di protezione individuale, impianti e apparecchiature elettriche)
  • Titolo IV (art. 88-160) - Cantieri temporanei o mobili (Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei e mobili, Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota, sanzioni)
  • Titolo V (art. 161-166) - Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro (Disposizioni generali, sanzioni)
  • Titolo VI (art. 167-171) - Movimentazione manuale dei carichi (Disposizioni generali, sanzioni)
  • Titolo VII (art. 172-179) - Attrezzature munite di videoterminali (Disposizioni generali, obblighi del datore di lavoro, dei dirigenti e dei preposti, sanzioni)
  • Titolo VIII (art. 180-220) - Agenti fisici (Disposizioni generali, protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione al rumore durante il lavoro, protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a vibrazioni, protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a campi elettromagnetici, protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a radiazioni ottiche, sanzioni)
  • Titolo IX (art. 221-265) - Sostanze pericolose (protezione da agenti chimici, protezione da agenti cancerogeni e mutageni, protezione dai rischi connessi all’esposizione all’amianto, sanzioni)
  • Titolo X (art. 266-286) - Esposizione ad agenti biologici (obblighi del datore di lavoro, sorveglianza sanitaria, sanzioni)
  • Titolo XI (art. 287-297) - Protezione da atmosfere esplosive (disposizioni generali, obblighi del datore di lavoro, sanzioni)
  • Titolo XII (art. 298 - 303) - Disposizioni diverse in materia penale e di procedura penale
  • Titolo XIII (art. 304 - 306) - Disposizioni finali
A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa