INTEGRAZIONE BANCHE DATI TRA AUTORITA’ E MISE

26/06/2008

2.925 volte
Sottoscritta, il 24 giugno scorso,- tra l’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici e il Dipartimento per le Politiche di Sviluppo (DPS) del Ministero dello sviluppo economico (MISE) - una convenzione per l’ avvio di un progetto di cooperazione tra le due amministrazioni finalizzato all’integrazione delle rispettive banche-dati sulla spesa nazionale in investimenti pubblici.

L’iniziativa risponde all’esigenza di raccordare tutti i dati relativi alla spesa pubblica in investimenti che sono attualmente ripartiti tra differenti Amministrazioni. Infatti, mentre nel sistema informativo dell’Autorità sono disponibili i dati sulle fasi di aggiudicazione e di esecuzione di tutti i contratti pubblici, in quello del DPS sono disponibili i dati di programmazione finanziaria.
Gli obiettivi del progetto sono quelli di realizzare un “Dialogo” tra i due sistemi informativi, di rendere integrata la gestione degli stessi e di omogeneizzare tempi e modi di rilevazione, di analisi e di utilizzazione.

Lo scopo che le due Amministrazioni si prefiggono di ottenere è quello di aumentare le rispettive capacità di programmazione e vigilanza sul settore dei contratti pubblici non disgiunte da una semplificazione amministrativa - a tutto vantaggio degli operatori di mercato e dei soggetti tenuti, per legge, alla trasmissione dei dati - attraverso il miglioramento della qualità, della completezza e dell’affidabilità dei dati.

Le prime azioni del progetto saranno indirizzate all’ambito informativo, nel quale verrà operato un censimento dei dati a disposizione delle rispettive amministrazioni, delle relazioni esistenti tra gli stessi, progettando i modi per poterli integrare, condividere e utilizzare ai fini di supporto alle decisioni. Verranno poi realizzate le infrastrutture informatiche basate sul principio della cooperazione applicativa - secondo gli standard CNIPA - che consentano l’automatica integrazione e condivisione dei dati dei sistemi, le operazioni di correzione e qualità sui dati storici, l’apertura del sistema a eventuali utenti esterni. Infine, nell’ambito della divulgazione, verranno diffusi i risultati del progetto.

Fonte: www.autoritalavoripubblici.it
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa