RENDIMENTI IN SALITA NEL 2007

04/06/2008

2.008 volte
La performance annuale dell'indice immobiliare italiano, Ipd (Italian Annual Property Index) per il 2007 mostra un mercato ancora in salita, con un total return del 9,2 per cento in crescita rispetto all'8% del 2006.

Un dato positivo - ha sottolineato di recente Mario Tonucci, Managing Partner Tonucci e Partner, aprendo i lavori del convegno su Fondi immobiliari e infrastrutture organizzato da Business International. In testa ai rendimenti c'è il settore retail, con un total return del 9,7 per cento, seguito dagli uffici (9,1 per cento) e dall'industriale (9 per cento). Accanto ai dati positivi ci sono, però, anche quelli negativi. La domanda immobiliare in Italia - spiega Tonucci - si è globalmente ridotta, a causa dell'allungamento dei tempi di vendita, della crescente difficoltà di incontro tra domanda e offerta, ma soprattutto a causa dei segnali che arrivano dal mercato creditizio.

A soffrire negli ultimi mesi del 2007 è soprattutto chi per comprare casa deve ricorrere a un mutuo che finanzi in modo importante l'acquisto (primi fra tutti i giovani, gli stranieri e le famiglie monoreddito.
C'è poi il problema degli affitti. Sono sempre di più le famiglie costrette a lasciare la propria casa perchè non più in grado di pagare il canone di affitto. Ogni anno - ha precisato ancora Tonucci - in Italia oltre il 75 per cento delle sentenze di sfratto e l'85 per cento degli sfratti effettivamente eseguiti sono riconducibili a morosità.
Nel 2007 le sentenze di sfratto sono state, in particolare, 41.888, il 6,7 per cento in meno rispetto all'anno precedente, ma la percentuale di quelle per morosità è salita dal 75,4 per cento al 77,6 per cento.

Fonte: www.demaniore.it © Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa