DA TORINO IL MANIFESTO FINALE

08/07/2008

2.179 volte
Da Torino gli architetti di tutto il mondo lanciano il loro manifesto.
Cala il sipario sul XXIII Congresso Mondiale di Architettura che in quattro giorni ha affrontato con seminari, incontri, workshop e tavole rotonde il difficile rapporto tra architettura e società. Dalle utopie al vivere quotidiano, gli architetti si interrogano sulla fisionomia di un modello di architettura oggi proponibile che recuperi soprattutto un alto profilo all'insegna dell'ecocompatibilità.
Da Torino, il Congresso Mondiale degli Architetti lancia un grande “Manifesto” che sintetizza l'obiettivo delle nuove frontiere: '”Riconciliarsi con la natura, con uno stile di vita più sobrio e modelli costruttivi ecocompatibili basati sull'utilizzo delle energie rinnovabili”.

Il Congresso mondiale traccia così la via per una nuova modernità che è quella di superare un modello di sviluppo giunto a sconvolgere i cicli climatici e l'ecosistema planetario. Il Manifesto, letto all'interno di un gremito Palavela, ha puntato l'indice sulla corsa inarrestabile allo sviluppo economico, che '”ha prodotto conseguenze drammatiche che ci fanno oggi vivere un'emergenza ambientale, energetica e urbana'”. Affrontarla con una scelta netta verso le energie rinnovabili, puntando sul riciclaggio dei rifiuti e sul controllo dell'inquinamento '”è ormai un percorso obbligato”. Gli architetti - è questo il messaggio che parte da Torino - dovranno farsi carico di tutto ciò per il ruolo decisivo che svolgono nei processi di trasformazione del territorio. A discuterne alcuni dei grandi nomi dell’architettura contemporanea e delle giovani promesse dell'architettura con oltre 100 incontri e seminari.

Nella sua lectio magistralis, Massimiliano Fuksas ha affrontato il tema della città ideale che “è quella - ha detto - di un luogo senza la disperazione”, dove esista “l'eliminazione delle enormi differenze tra i ricchi divenuti ricchissimi e i poveri divenuti poverissimi”.
Parte da Torino anche un importante progetto per raccontare, attraverso video, documentari e reportage come l'architettura incida sulle trasformazioni del tessuto urbano, sotto ogni punto di vista. E’ la sfida di “Check-in Architecture”, iniziativa lanciata a livello europeo da Mini, in collaborazione con Torino 2008 World Design Capital e il Congresso mondiale degli Architetti.
Oltre seicento studenti e ricercatori di venti città europee saranno coinvolti in un progetto dinamico che durerà tre mesi e sarà capace di espandersi utilizzando tutti i canali e i linguaggi della comunicazione. La tradizionale “Gold Medal” è stata assegnata quest’anno al messicano Teodoro Gonzales de Leon, 82 anni, esponente del Movimento Moderno che ha firmato le ambasciate messicane di Brasilia e Berlino. Tra i premiati anche due italiani: Luca Molinari e il giovane Andrea Veglia, terzo classificato della sezione Info Point del concorso Uia dedicata agli architetti under 35.
L'appuntamento di Torino comunque non è del tutto concluso, un ricco programma di eventi culturali in tutta la città che ha fatto da contorno al Congresso, proseguirà fino a settembre con varie mostre di architettura e design.

Fonte: www.demaniore.com
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa