ENTRATO IN VIGORE IL NUOVO REGOLAMENTO CE

19/09/2008

11.396 volte
Il 15 settembre scorso è entrato in vigore il Regolamento CE n. 213/2008 della Commissione del 28 novembre 2007 pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea L 74/1 del 15 marzo 2008 e recante “Modifica del regolamento CE n. 2195/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al vocabolario comune per gli appalti pubblici (CPV) e delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relative alle procedure per gli appalti pubblici, per quanto riguarda la revisione del CPV”,

Nell’allegato I contenente il Vocabolario comune per gli appalti pubblici è riportata la struttura del sistema di classificazione suddivisa nei seguenti 3 punti.

1) Il CPV comprende un vocabolario principale e un vocabolario supplementare.

2) Il vocabolario principale poggia su una struttura ad albero di codici che possono avere fino a nove cifre, ai quali corrisponde una denominazione che descrive le forniture, i lavori o i servizi oggetto del mercato.
Il codice numerico ha otto cifre ed è suddiviso in:
  • divisioni, identificate dalle due prime cifre del codice (XX000000-Y),
  • gruppi, identificati dalle prime tre cifre del codice (XXX00000-Y),
  • classi, identificate dalle prime quattro cifre del codice (XXXX0000-Y),
  • categorie, identificate dalle prime cinque cifre del codice (XXXXX000-Y).
Ciascuna delle ultime tre cifre fornisce un grado di precisione supplementare all’interno di ogni categoria.
Una nona cifra serve per verificare le cifre precedenti.

3) Il vocabolario supplementare può essere utilizzato per completare la descrizione dell’oggetto di un appalto. Le voci sono costituite da un codice alfanumerico, al quale corrisponde una denominazione che consente di fornire ulteriori dettagli sulla natura o la destinazione specifiche del bene da acquistare.

Il codice alfanumerico comprende:
  • un primo livello, costituito da una lettera corrispondente ad una sezione,
  • un secondo livello, costituito da una lettera corrispondente a un gruppo,
  • un terzo livello, costituito da tre cifre corrispondenti alle sottodivisioni.
L’ultima cifra serve per verificare le cifre precedenti.

Ricordiamo che il nuovo Regolamento n.213/2008 , che modifica il precedente n. 2195/2002, è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa