INTRODOTTO DALLA PROVINCIA DI MILANO UN BADGE MAGNETICO DI RICONOSCIMENTO

04/09/2008

7.289 volte
Il 2 settembre la Provincia di Milano ha sottoscritto due accordi con le Organizzazioni sindacali confederali CGIL, CISL e UIL e di categoria Fillea-CGIL, Filca-CISL e Feneal-Uil e Assimpredil Ance, relativi alla sicurezza nei cantieri e al contrasto del lavoro nero.
La nuova arma scelta dalla Provincia di Milano per la lotta al lavoro nero e agli incidenti nei cantieri si chiama tecnologia. Con un accordo firmato viene introdotto, infatti, un badge (magnetico di riconoscimento per appalti superiori al milione e mezzo di euro, elettronico per quelli superiori ad un importo di dieci milioni) per i lavoratori: un dispositivo che permetterà non solo di certificare l'identità dell'operaio, la sua impresa di appartenenza e la sede del cantiere, ma anche di attestarne la presenza sul lavoro in un dato momento.
I due protocolli si occupano di:
  • informazione sui programmi delle opere. In quest’ambito è prevista una programmazione anticipata delle opere per permettere alle parti sociali di definire impegni e modelli sul tema della sicurezza e della salute negli ambienti di lavoro;
  • Z
  • assegnazione degli appalti superiori a 1,5 milioni di euro. Gli accordi prevedono che tutte le gare per questi appalti siano svolte sulla base dei criteri dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Questo significa che nella valutazione delle offerte il 30% del punteggio assegnato a ciascuna impresa sia riservato alla valorizzazione di quelle proposte migliorative che interverranno sulla sicurezza e sull’affidabilità industriale e finanziaria dell’impresa. In particolare saranno presi in considerazione la sicurezza nei cantieri, la gestione ambientale dei cantieri stessi e il possesso di un organico minimo dell’azienda;
  • tecnologie per la salute e la sicurezza. In merito a questo aspetto si è voluto definire un progetto che permetta di inserire nei capitolati di gara, oltre all’impegno ad utilizzare tecnologie innovative che riducano e prevengano i rischi di incidenti, l’obbligo di indossare un badge di riconoscimento. In particolare nei cantieri della Provincia di Milano (via Soderini e Monza) partirà immediatamente un progetto sperimentale basato su un sistema di monitoraggio elettronico a supporto e tutela della sicurezza;
  • comitati per la sicurezza. In ogni cantiere il cui appalto superi gli 1,5 milioni di euro dovranno essere costituiti comitati per la sicurezza composti da rappresentanti dell’impresa, dei lavoratori e delle associazioni di categoria;
  • estensioni. La Provincia di Milano si impegna a far adottare alle società ed enti da essa controllati i contenuti degli accordi sottoscritti.
I due documenti sono stati consegnati al Prefetto di Milano, Gian Valerio Lombardi perché convochi le istituzioni locali e le parti sociali al fine di rivedere, alla luce dei contenuti degli accordi promossi dalla Provincia, i protocolli sottoscritti in Prefettura in materia di sicurezza sul lavoro nel dicembre 2003 e nell’ottobre 2004. Questi impegni assumono una particolare importanza in vista dello sviluppo delle attività edilizie che saranno attivate per l’EXPO. La Provincia di Milano, infine, convocherà tutti i comuni dell’area metropolitana milanese per presentare l’accordo e favorirne il recepimento da parte delle singole amministrazioni comunali. Con questi atti, applicati immediatamente nei propri cantieri, la Provincia di Milano quale stazione appaltante, rovescia il concetto di sicurezza intesa come costo, in sicurezza intesa come investimento. Questo nella direzione - si potrebbe dire - di ricercare “la tolleranza zero” nei confronti del lavoro nero e, contemporaneamente, la “prevenzione mille” in relazione agli infortuni. Inoltre, questi protocolli possono rappresentare una nuova linea di condotta offerta dalla Provincia anche per i cantieri dell’EXPO.

Fonte: www.provincia.milano.it
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa