IMPOSTA DI BOLLO DOVUTA ANCHE SULLE QUIETANZE RELATIVE A MANDATI, ORDINATIVI, VAGLIA DEL TESORO ED ALTRI TITOLI DI SPESA DELLO STATO

06/10/2008

25.306 volte
L'imposta di bollo è dovuta anche sulle quietanze relative ai mandati, ordinativi, vaglia del tesoro ed altri titoli di spesa dello Stato, emessi a favore dei contribuenti minimi, sempre che la somma da corrispondere sia superiore ad euro 77,47. Questo in sintesi il contenuto della risoluzione 365/E dello scorso 3 ottobre, mediante la quale l'Agenzia delle Entrate è intervenuta nuovamente sul tema dei regime fiscale semplificato e dei contribuenti minimi, in risposta a due quesiti posti dal ministero della Giustizia, che hanno per oggetto le modalità di applicazione dell'articolo 13 della tariffa, allegata al Dpr 642/1972, su pagamenti riguardanti prestazioni esenti da Iva e per le quali sono state rilasciate fatture già sottoposte all'imposta di 1,81 euro.

L'articolo in questione prevede il pagamento dell'imposta di bollo nella misura di Euro 1,81 per ogni esemplare per le "… ricevute e quietanze rilasciate dal creditore, o da altri per suo conto, a liberazione totale o parziale di una obbligazione pecuniaria".
Con particolare riferimento alle quietanze, lo stesso articolo 13 prevede per le quietanze relative ai mandati, ordinativi, vaglia del tesoro ed altri titoli di spesa dello Stato, l'imposta di bollo è riscossa in modo virtuale al momento dell'emissione degli stessi.
Inoltre, la nota 2 posta in calce all'articolo 13 prevede che l'imposta non è dovuta nei seguenti casi:
  • quando la somma non supera L. 150.000 (Euro 77,47);
  • per la quietanza o ricevuta apposta sui documenti gia assoggettati all'imposta di bollo o esenti".
Fatte queste opportune precisazione di carattere normativo, l'Agenzia ha fatto presente che nel caso dei contribuenti minimi, il dubbio è sorto proprio in relazione al secondo punto della precedente nota 2, in quanto il regime semplificato introdotto dalla Finanziaria 2008 consente di non addebitare l'Iva a titolo di rivalsa, ma esige, al contempo, il pagamento dell'imposta di bollo sulle fatture emesse.

Ciò premesso, l'Agenzia ha richiamato in causa la Circolare n. 46 del 28 luglio 1983, del Ministero delle Finanze, d'intesa con il Ministero del Tesoro, nella quale è stato precisato, tra l'altro, che quando il pagamento è disposto con titoli di spesa, è dovuta, in ogni caso, l'imposta di bollo sulla quietanza.
L'imposta di bollo deve, dunque, essere in ogni caso assolta per le quietanze relative a pagamenti disposti con titoli di spesa, documenti di natura completamente diversa da quelli emessi dai professionisti per le loro prestazioni e sui quali è stato versato il tributo di 1,81 euro, anche se dovuti a contribuenti che aderiscono al regime semplificato, e la somma deve essere trattenuta in modo virtuale secondo le modalità previste dalla norma.


© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa