PUBBLICATE LE NUOVE LINEE GUIDA

01/10/2008

8.233 volte
Il Coordinamento tecnico per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni e delle Province autonome in collaborazione con l’ISPESL (Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro) ha, recentemente pubblicato le prime indicazioni applicative per la corretta applicazione dei Capi I, II e III del Titolo VIII del D.Lgs. n. 81/2008 riguardante la prevenzione e la protezione dai rischi di esposizione ad agenti fisici nei luoghi di lavoro. Le nuove indicazioni sostituiscono le precedenti Linee guida operative per l'applicazione dei D.Lgs. 187/2005 e 195/2006.

Le indicazioni riguardano i rischi previsti ai Capi ICapo II (rumore), al Capo III (vibrazioni).
Ricordiamo, poi, che la legge n. 129/2008 ha stabilito che le disposizioni di cui agli articoli 17, comma 1, lettera a), e 28, nonché le altre disposizioni in tema di valutazione dei rischi che ad esse rinviano, ivi comprese le relative disposizioni sanzionatorie, previste dal presente decreto, diventano efficaci dall’1 gennaio 2009 e che fino a tale data continuano a trovare applicazione le disposizioni previgenti.

Relativamente agli agenti fisici l’emanazione del Decreto Legislativo n. 81/2008, pur essendosi fondamentalmente ispirata alla legislazione previgente, ha posto in capo alle aziende obblighi di valutazione e gestione del rischio che presentano anche elementi di novità.
Ricordando che l’obbligo alla valutazione e alla gestione di ogni rischio per la salute e sicurezza ricade su tutte le aziende nelle quali si applica integralmente il DLgs.n. 81/2008, l’obiettivo delle prime indicazioni applicative è di fornire una prima serie di indicazioni operative che orienti gli attori aziendali della sicurezza ad una risposta corretta al provvedimento legislativo.
A seguito dei positivi riscontri sulle prime indicazioni operative per l’applicazione dei decreti n. 187/2005 (vibrazioni) e n. 195/2006 (rumore) il Coordinamento tecnico per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni e delle Province autonome in collaborazione con l’ISPESL ha puntato, aggiornandone i contenuti, a risolvere i più comuni quesiti (FAQ) che vengono proposti ai tecnici del settore.
In alcuni casi il dibattito tecnico e la produzione normativa sono ancora in corso o appena avviati per cui nelle prime indicazioni operative vengono fornite anche indicazioni temporanee, ma sempre con l’obiettivo di indicare percorsi legislativamente corretti e tecnicamente attuabili.
Le indicazioni riportate prime indicazioni applicative riguardano i rischi previsti ai Capi I, II e III del Titolo VIII del DLgs.n. 81/2008. Sono attualmente in fase di preparazione analoghe indicazioni per il Capo IV (campi elettromagnetici) ed il Capo V (radiazioni ottiche artificiali).

A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa