VIA LIBERA DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI ALL'UTILIZZO DEL PROJECT FINANCING

29/01/2009

1.833 volte
Via libera dal Consiglio dei Ministri al piano straordinario per le carceri messo a punto dal ministro della Giustizia Angelino Alfano. Il Piano è contenuto in un emendamento al decreto mille proroghe. Il Cdm ha anche nominato il capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, Franco Ionta, commissario straordinario per l'edilizia carceraria. ''Ionta - ha spiegato il ministro della Giustizia Alfano - avrà poteri speciali per accelerare la costruzione di nuovi istituti di pena". Il commissario straordinario dovrà indicare la migliore e più razionale allocazione degli istituti penitenziari nel nostro paese e potrà sostituirsi alle amministrazioni inadempienti. "I nuovi istituti saranno considerati strutture strategiche nazionali", ha detto Alfano.

"Abbiamo un obiettivo - ha spiegato il Guardasigilli - portare il numero dei detenuti consentiti da quello attuale di 43 mila a certamente sopra i 60 mila posti". Alfano ha spiegato che per accelerare al massimo l'iter per la realizzazione dei nuovi istituti, il piano prevede la riduzione dei tempi per i ricorsi amministrativi in modo da aggirare gli intoppi creati da lunghi contenziosi. Il governo "farà ricorso anche ai privati" per la realizzazione del piano straordinario.

I privati, ha spiegato il Ministro, potranno concorrere alla realizzazione dei nuovi penitenziari "con strumenti contrattuali innovativi come per esempio il project financing, oppure altri che possono essere immaginati". Il ricorso ai privati, ha fatto notare il Guardasigilli, avviene già "in molte società occidentali". Il Ministro ha inoltre assicurato che il governo prenderà "tutte le cautele per far sì che oltre alle norme morali e giuridiche ci sia una cogenza che garantisca l'assoluta trasparenzà nella costruzione delle nuove carceri previste dal piano carceri''.


Fonte: Demaniore © Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa