COMMENTO ANCI AL III CORRETTIVO

03/02/2009

4.376 volte
L’Associazione nazionale comuni italiani (ANCI), al fine di fornire un utile e snello strumento di lavoro e di approfondimento ad amministratori locali e operatori del settore, ha elaborato una interessante nota di lettura del III correttivo (D.Lgs. n. 152/2008) al Codice dei Contratti (D.Lgs. n. 163/2006).
Nella nota, viene tralasciato il commento delle modifiche meramente formali ed, invece, vengono evidenziate le novità maggiormente significative e d’impatto per le amministrazioni comunali soffermandosi su tutte quelle disposizioni rispetto alle quali si sono riscontrate criticità di attuazione. Nella nota vengono dettagliatamente trattati:
  • l’acceso agli atti;
  • le opere di urbanizzazione a scomputo;
  • i soggetti ammessi agli appalti pubblici;
  • i consorzi stabili;
  • le opere superspecializzate;
  • l’esclusione dalla partecipazione alle gare;
  • la capacità economica e finanziaria dei fornitori e dei prestatori di servizi;
  • i controlli sul possesso dei requisiti;
  • l’avvalimento;
  • la tipologia e oggetto dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture;
  • il dialogo competitivo;
  • le informazioni circa i mancati inviti, le esclusioni e le aggiudicazioni;
  • i criteri dell’offerta economicamente più vantaggiosa;
  • le aste elettroniche;
  • la progettazione interna ed esterna alle amministrazioni aggiudicatrici in materia di lavori pubblici;
  • le procedure di affidamento;
  • i corrispettivi, gli incentivi per la progettazione ed i fondi a disposizione delle stazioni appaltanti;
  • la verifica della progettazione prima dell’inizio dei lavori;
  • la cessione dei crediti derivanti dal contratto;
  • il subappalto, le attività che non costituiscono subappalto e la tutela del lavoro;
  • il collaudo;
  • le offerte anomale;
  • la procedura ristretta semplificata per gli appalti di lavori;
  • i lavori, i servizi e le forniture in economia;
  • i termini di adempimento, penali, adeguamento dei prezzi;
  • le procedure di affidamento in caso di fallimento;
  • la Finanza di progetto;
  • la locazione finanziaria di opere pubbliche o di pubblica utilità;
  • la progettazione;
A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa