PANDINO (CR): RIQUALIFICAZIONE ED IL RIUSO DEL CASTELLO VISCONTEO E DELL’ARENA CIRCOSTANTE.CONCORSI, PROFESSIONE

19/03/2009

4.344 volte
l’Amministrazione Comunale ha deciso di promuovere un “Concorso per idee”, un’iniziativa volta appunto a raccogliere le migliori proposte intorno al seguente tema: Il Castello Visconteo quale elemento di attrazione e motore per lo sviluppo culturale, economico e sociale di Pandino e del suo territorio. Quale utilizzo del monumento meglio indirizza questo obiettivo e quali azioni sono necessarie per consentire questo utilizzo.
  • L’ambito dello studio comprende il Castello, le sue pertinenze (arena esterna delimitata dal muro perimetrale e area adiacente, attualmente adibita a parcheggio), la piazza Vittorio Emanuele III con la via Castello e la vicina zona ex-ENEL ;(vedere all. N° 2)
  • Nel considerare gli spazi del Castello, assumere l’ipotesi che gli Uffici Comunali si trasferiranno nel vicino edificio ex-ENEL, mentre rimarranno in Castello l’Ufficio del Sindaco, la Sala Consiliare e la Segreteria.
  • Valorizzare la relazione esistente tra il Castello ed il paese, sia in termini urbanistici (ruolo della piazza Vittorio Emanuele), sia in termini socioeconomici.
  • Individuare le possibili sinergie con il tessuto commerciale del Centro Storico.
  • Tra le varie possibilità di utilizzo privilegiare quelle in grado di favorire flussi regolari di visitatori in tutto l’arco dell’anno.
  • Nel definire le ipotesi di utilizzo, occorre individuare e proporre anche adeguate soluzioni di parcheggio nelle vicinanze, alternative all’area adiacente al Castello, che attualmente consente il parcheggio di circa 250 vetture.
  • Considerare l’opportunità di valorizzare la figura e l’opera di Marius Stroppa, eclettico artista locale di cui il Comune conserva opere e progetti (vedi Bibliografia);

Le proposte dovranno essere racchiuse in un plico, opaco e sigillato, riportante solo il nome del Progetto che non dovrà in alcun modo far riferimento al gruppo o ai singoli partecipanti, e devono pervenire a: Comune di Pandino,
Ufficio Protocollo Generale del Comune di Pandino,
via Castello, 15 - 26025.
entro e non oltre le ore 12:00 del giorno 31/07/2009.

Elaborati
  • Relazione descrittiva, utile a illustrare i criteri guida delle scelte progettuali in relazione agli obiettivi previsti dal bando e alle caratteristiche dell’intervento.Potrà contenere immagini e schemi grafici dell’ideazione. Dovrà essere contenuta in un numero massimo di 30 fogli in formato UNI A4, corpo minimo 12 pt;
  • N. 4 tavole nel formato UNI A1 orizzontale, contenenti rappresentazioni planimetriche e grafiche e quant’altro utile a rappresentare l’idea progettuale
  • Relazione economica, che illustri i costi dell’intervento proposto per quanto attiene il progetto architettonico per l’edificio . Detta relazione dovrà essere contenuta in un numero massimo di 20 fogli formato UNI A4, corpo minimo 12 pt;.
Calendario
Le principali scadenze progressive del concorso sono le seguenti:
  • Pubblicazione del bando di concorso: 16/03/2009
  • Termine ultimo per la ricezione delle proposte ideative: entro il 31/07/2009
  • Conclusione dei lavori della Commissione Giudicatrice: entro il 09/10/2009
Premi
Il concorso si concluderà con una graduatoria di merito e con l’attribuzione di n.1 premio di € 10.000,00 a titolo rimborso spese , che verrà considerato quale acconto per un eventuale successivo incarico di cui al punto 1 del bando; n. 2 premi di € 3.000,00 a titolo rimborso spese. I premi sono da considerarsi lordi e comprensivi delle ritenute e degli eventuali oneri di legge.

Ente Appaltante
Comune di Pandino (CR)
via Castello, n.15
26025 Pandino

Responsabile del procedimento
Arch. Caterina Bragonzi,
Responsabile Area Lavori Pubblici e Urbanistica del Comune di Pandino.
Tel. 0373/973322 - Fax 0373/970056
Sito Internet: www.comune.pandino.cr.it
e.mail: ufficiotecnico@comune.pandino.cr.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa