IL CASTELLO MANIACE DI SIRACUSA

05/05/2009

4.488 volte
A Siracusa, all'estremità dell'isola di Ortigia, si trova il Castello Maniace, scelto per ospitare il G8 sull'ambiente. Il nome della fortezza ha origine dal comandante bizantino Giorgio Maniace che, dopo aver strappato agli arabi la città di Siracusa, nel 1038 fece costruire, in posizione strategica, un forte a difesa del porto. Nei secoli successivi, tra il 1232 e 1240, venne trasformato in un vero e proprio castello per volere di Federico II, su progetto del suo architetto di fiducia Riccardo da Lentini. I recenti scavi non hanno, però, portato alla luce alcuna traccia dell'antico maniero che prende il nome dal condottiero bizantino.
Il castello, uno dei più importanti esempi di architettura del periodo svevo, domina da un lato il mare e dall'altro la città. La costruzione della fortezza fu pensata per coniugare le esigenze militari e la funzionalità della pianta e degli ambienti, tutti uniti da una sobria eleganza, degna delle numerose corti che ospitò nel tempo. Alcuni elementi architettonici testimoniano, infatti, come il castello avesse sia funzione difensiva che di rappresentanza.
Nel 1288 vi dimorò il re Pietro III d'Aragona e fino al XVI secolo fu la residenza dei discendenti della famiglia.
Nel Cinquecento il maniero passò poi a Carlo V che, quando Siracusa venne trasformata in una roccaforte, decise di rafforzarlo ulteriormente, insieme alla cinta difensiva dell'isola.



Nel corso dei secoli la struttura dell'edificio venne più volte adattata a residenza, a caserma e, per quasi tutto il XVI secolo, anche a prigione. Due terremoti, nel 1542 e nel 1693 e un'esplosione avvenuta nella polveriera nel 1704, distrussero parti del castello, che in seguito vennero solo parzialmente ricostruite.
In età napoleonica la fortezza riprese l'originaria funzione difensiva, così come negli anni successivi e anche dopo l'unificazione d'Italia rimase una struttura militare.
Oggi dopo un lungo restauro e la smilitarizzazione dalla storica caserma dell'Esercito, il monumento è stato aperto al pubblico e viene utilizzato per ospitare diversi spettacoli. Il maniero è stato, inoltre, scelto per ospitare il vertice dei ministri dell'Ambiente degli otto Paesi più industrializzati.



Il suggestivo Castello Maniace di Siracusa, completamente cinto da fortificazioni e realizzato in pietra arenaria, colpisce subito per la sua maestosità. La struttura, di 51 metri per lato, è a pianta quadrata con quattro torri cilindriche agli angoli. Per rendere il luogo ancora più inespugnabile, nel Cinquecento Carlo V fece costruire un ponte in pietra per raggiungere il castello. Attraversato il ponte si arriva al portale d'ingresso, che con i suoi elementi decorativi alleggerisce l'austerità dell'edificio. Osservando il portale, si nota che è incorniciato da un arco ogivale e sormontato dalla figura di un'aquila a due teste, stemma imperiale di Carlo V. Ai lati si trovavano invece due arieti di bronzo, che secondo la leggenda da Costantinopoli furono portati in dono da Giorgio Maniace e collocati all'ingresso del castello. Dei due arieti uno è oggi conservato presso il museo archeologico di Palermo, mentre l'altro è andato perduto.
Appena entrati nel castello ci si imbatte in un salone, costituito da un unico grande ambiente, scandito da regolari campate, che poggiano su volte a crociera, sostenute da sottili colonne. Agli angoli della sala si possono notare quattro camini monumentali, dei quali però è giunto fino a noi soltanto l'incasso di uno, ancora perfettamente leggibile.
Attualmente la struttura esterna rimane quella duecentesca, mentre gli ambienti interni sono stati più volte rimaneggiati. Dell'originaria struttura resta anche il cosiddetto “bagno della Regina”, una stanza sotterranea con alcuni sedili e una vasca di marmo, testimonianza degli antichi fasti del castello.

Informazioni
Castello Maniace
Via del Castello Maniace, 51
Siracusa (SR)
www.comune.siracusa.it
Per prenotazioni:
Tel. 0931 481179, 481169

Fonte: www.demaniore.com
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa