V Conto Energia: dall'Agenzia delle Entrate il parere sulla fiscalità

L'Agenzia delle Entrate ha fornito indicazioni sul trattamento fiscale delle somme corrisposte in base al "V Conto Energia" di cui al DM 5 luglio 2012. In pa...

21/12/2012
L'Agenzia delle Entrate ha fornito indicazioni sul trattamento fiscale delle somme corrisposte in base al "V Conto Energia" di cui al DM 5 luglio 2012. In particolare, l'Agenzia ha risposto alla richiesta di interpello presentata il data 09/08/2012 dal GSE in merito alla sussistenza di condizioni di incertezza nell'interpretazione delle disposizioni tributarie applicabili alle tariffe incentivanti del V Conto Energia.

Come rilevato dal GSE, le conclusioni cui giunge l'Agenzia sono, in linea di principio, allineate a quelle già presenti nella circolare 46/E del 2007 per quanto concerne la fiscalità indiretta e quella diretta.

Prima di individuare il corretto trattamento fiscale dei sistemi di incentivazione previsti, l'Agenzia delle Entrate ha ricordato che il V Conto energia prevede che il GSE eroghi, per gli impianti di potenza:
  • < 1 MW, due incentivi cumulabili fra loro e riferibili: uno alla quota di produzione netta di energia elettrica consumata in loco; uno alla quota di energia prodotta e immessa in rete. Ognuna di queste quote è retribuita rispettivamente: dalla tariffa premio per autoconsumo e dalla tariffa omnicomprensiva.
  • > 1 MW, un contributo riferibile alla produzione netta di energia immessa in rete, pari alla differenza tra la tariffa omnicomprensiva ed il prezzo zonale orario; tale differenza non può essere superiore alle tariffe omnicomprensive stabilite nel decreto.

Dopo un breve excursus sul trattamento fiscale del precedente sistema di incentivazione, l'Agenzia ha chiarito che:
  • la tariffa premio per autoconsumo, in quanto viene erogata in assenza di un rapporto di reciprocità tra GSE e produttore di energia, per rimborsare il titolare dell'impianto del costo sostenuto e favorire la produzione e l'autoconsumo dell'energia, ha sostanzialmente le stesse caratteristiche della tariffa incentivante. Pertanto a tale incentivo il GSE dovrà effettuare la ritenuta nel caso in cui lo stesso sia erogato al produttore di energia nell'ambito dell'attività d'impresa;
  • la tariffa omnicomprensiva, rappresentando il prezzo dell'energia immessa in rete, presenta le stesse caratteristiche della tariffa fissa omnicomprensiva. Ne deriva che il GSE non dovrà applicare alcuna ritenuta all'atto della corresponsione e dovrà ricevere fattura con IVA dal percettore nel caso in cui lo stesso svolga un'attività d'impresa.

A cura di Gabriele Bivona
© Riproduzione riservata

Documenti Allegati

Parere