P.A., addio carta entro il 2015 fatturazione in formato elettronico

27/05/2013

5.625 volte
Addio alle fatture cartacee emesse nei rapporti con le amministrazioni dello Stato e con gli enti pubblici nazionali: entro 2 anni la fatturazione dovrà avvenire in formato elettronico. Questo è quanto stabilito dal Decreto Ministero dell'Economia e delle Finanze 3 aprile 2013, n. 55 recante "Regolamento in materia di emissione, trasmissione e ricevimento della fattura elettronica da applicarsi alle amministrazioni pubbliche ai sensi dell'articolo 1, commi da 209 a 213, della legge 24 dicembre 2007, n. 244" pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 118 del 22 maggio 2013.

La fatturazione elettronica nei rapporti con la Pubblica Amministrazione (Legge Finanziaria 2008) si colloca nell'ambito delle linee di azione dell'Unione Europea ("i2010") che incoraggia gli Stati membri a dotarsi di un adeguato quadro normativo,organizzativo e tecnologico per gestire in forma elettronica l'intero ciclo degli acquisti. Recependo tale direttiva già altri paesi europei hanno avviato un programma di introduzione della fatturazione elettronica utilizzando anche la leva normativa della Pubblica Amministrazione per favorirne l'adozione nei rapporti tra imprese.

Il regolamento approvato dal decreto n. 55/2013, al fine di semplificare il procedimento di fatturazione e registrazione delle operazioni imponibili, reca disposizioni in materia di emissione, trasmissione e ricevimento della fattura elettronica, attraverso il Sistema di interscambio, ai sensi dell'articolo 1, commi da 209 a 214, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, e successive modificazioni.

Le fatture elettroniche da trasmettere dovranno essere rappresentate in un file in formato XML (eXtensible Markup Language) non contenente macroistruzioni o codici eseguibili tali da attivare funzionalità che possano modificare gli atti, i fatti o i dati nello stesso rappresentati. Le specifiche tecniche relative alla struttura sintattica ed alle caratteristiche informatiche delle suddette informazioni saranno realizzate dall'Agenzia delle Entrate e rese disponibili entro il 21 giugno 2013 sul sito del Sistema di Interscambio www.fatturapa.gov.it. Le indicazioni che dovranno contenere le nuove fatture sono descritte dettagliatamente nell'allegato A al decreto n. 55/2013.

L'allegato B al decreto n. 55/2013 descrive le regole tecniche delle soluzioni informatiche da utilizzare per l'emissione e la trasmissione delle fatture, nonché quelle idonee a garantire l'attestazione della data, l'autenticità dell'origine e l'integrità del contenuto della fattura elettronica. Le relative specifiche tecniche di dettaglio saranno rese disponibili entro il 21 giugno 2013 sul sito del Sistema di Interscambio www.fatturapa.gov.it. Tali specifiche tecniche vengono predisposte ed aggiornate dall'Agenzia delle Entrate, nel ruolo di gestore del Sistema di Interscambio, sentite le strutture competenti del Ministero dell'economia e finanze e l'Agenzia per l'Italia digitale.

L'allegato C al decreto n. 55/2013 riporta le linee guida per l'adeguamento delle procedure interne delle amministrazioni interessate alla ricezione ed alla gestione delle fatture elettroniche. Le linee guida hanno lo scopo di fornire elementi di natura metodologica e organizzativa per consentire ai soggetti interessati di adeguare le proprie procedure amministrative e i propri sistemi informatici alla norma, e costituiscono un supporto all'innovazione dei processi di acquisto e contabilizzazione nella Pubblica Amministrazione. Le indicazioni fornite sono di carattere generale e sarà cura di ciascuna amministrazione adeguarle operativamente alla propria realtà organizzativa.

L'allegato D al decreto n. 55/2013 descrive le regole di identificazione univoca degli uffici centrali e periferici delle amministrazioni destinatari della fatturazione. Per consentire al Sistema di Interscambio (SDI) di recapitare correttamente le fatture a tutti i soggetti, i destinatari della fattura elettronica dovranno, infatti, essere identificati univocamente. La codifica, ai fini dell'identificazione dei soggetti, e loro uffici, è costituita dal codice univoco assegnato allo specifico ufficio dell'Amministrazione, Ente o Società di appartenenza dall'IPA. Tale codifica deve essere utilizzata in fase di predisposizione della fattura elettronica.

L'allegato E al decreto n. 55/2013, infine, descrive i servizi di supporto di natura informativa resi disponibili nell'ambito del Programma di Razionalizzazione degli acquisti, sono indirizzati alle piccole e medie imprese abilitate al Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione, che abbiano almeno un catalogo pubblicato on line nel relativo sistema. I servizi previsti sono diretti a facilitare le PMI nel processo di creazione e invio delle fatture in formato standard al Sistema di Interscambio (SDI) e consistono nelle seguenti funzionalità:
- Adesione al servizio
- Generazione delle fatture in formato SDI
- Conservazione delle fatture
- Servizi di comunicazione con il SDI Le indicazioni di dettaglio relative alle modalità di fruizione dei servizi sono rese disponibili sul portale del Programma di razionalizzazione degli acquisti (www.acquistinretepa.it).

© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa