Consiglio di Stato ed EXPO 2015: resta a Maltauro (commissariata) l'appalto

19/09/2014

4.518 volte
Il Consiglio di Stato con l’Ordinanza n. 4089 del 16 settembre 2014 smentisce il Tar Lombardia e certifica che i lavori di EXPO 2015 appaltaltati alla Maltauro (oggi commissariata) possono continuare.
Si tratta della prina applicazione dell’articolo 32, comma 1, lettera b) del decreto-legge n. 90/2014 convertito dalla legge n. 114/2014 che in casi dettagliatamente individuati dà la possibilità di provvedere direttamente alla straordinaria e temporanea gestione dell'impresa appaltatrice limitatamente alla completa esecuzione del contratto di appalto o della concessione.

In riferimento a tale possibilità il Presidente dell’ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione) aveva indirizzato in data 10/7/2014 al Prefetto di Milano la “Richiesta di straordinaria e temporanea gestione della società Maltauro Spa con riferimento all’appalto “Architetture di servizio” afferenti al sito per l’esposizione universale del 2015”.
Nella nota indirizzata al Prefetto di Milano, il Presidente dell’ANAC precisa che “In particolare può affermarsi che l’appalto in questione è stato vinto grazie ad un’attività illecita, come emerge dalla circostanza che Maltauro Enrico, amministratore e dominus indiscusso della società, è stato sottoposto alla misura cautelare della custodia in carcere, fra l’altro, per il delitto di turnata libertà degli incanti, ex artt. 453 e 353 bis c.p. proprio con riferimento alla gara poco sopra precisata.

Precedentemente alla nota dell’ANAC indirizzata al Prefetto, il TAR Lombardia con sentenza n. 1802 del 9 luglio 2014, a seguito del ricorso presentato da alcune imprese contro EXPO 2015, annulla l'aggiudicazione definitiva all'impresa Maltauro e "suggerisce" ad Expo S.p.A. la risoluzione del contratto sulla fragile base del protocollo di legalità.
A seguito della nota dell’ANAC, il Prefetto di Milano con decreto del 16 luglio 2014, definisce il commissariamento dell'impresa maltauri limitatamente all'appalto in argomento, che per essere efficace necessita del mantenimento in vita del contratto (scaturente da un'aggiudicazione annullata dal TAR.

Interviene per ultimoil Consiglio di Stato che con la citata Ordinanza n. 4089 del 16 settembre scorso ed i giudici di Palazzo Spada precisano che “le pur gravissime ipotesi accusatorie formulate dalla Procura della Repubblica di Milano in relazione allo svolgimento della gara non comportavano automaticamente l'invalidità della procedura e dell'aggiudicazione, legittimando soltanto la facoltà di risoluzione del contratto d'appalto da parte dell'Ente committente".
In pratica nellOrdinanza viene, anche, precisato che Expo 2015, a seguito della sentenza del Tar, si trovava di fronte a un'alternativa: o risolvere il contratto d'appalto già in corso, con conseguente irrecuperabile ritardo nell'esecuzione dei lavori indispensabili per lo svolgimento di Expo 2015 oppure mantenere in vita il contratto stesso, restando però esposta al rischio di essere condannata a un'ingentissima somma per risarcimento danni in favore dell'Impresa, giunta seconda nella gara d'appalto.
In aiuto di Expo 2015 è arrivata la citata norma inserita nel decreto-legge cosiddetto “semplificazioni” e con la stessa, in sostanza, la Maltauro, sospettata di illeciti, è stata esclusa dalla gestione dell'impresa e, dunque, dalla percezione dei profitti e con l'estromissione degli indagati è stato possibile mantenere in vita l’appalto e perseguire l'interesse pubblico costituito dalla rapida esecuzione dell'opera.

In allegato:
  • la sentenza del TAR Lombardia;
  • la richiesta dell’ANAC al Prefetto di Milano;
  • il decreto del Prefetto di Milano;
  • l’ordinanza del Consiglio di Stato.

© Riproduzione riservata



Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa