Consigli Nazionali: quanto costano ai professionisti dell'area tecnica?

29/09/2014

6.141 volte
Nelle ultime settimane ho potuto constatare personalmente il forte malumore dei liberi professionisti dell'area tecnica nei confronti dei propri ordini professionali e consigli nazionali. Lavorando nella redazione di un giornale siamo costantemente in contatto con tecnici di tutta Italia e questo ci da il forte vantaggio di avere un termometro della situazione che vivono oggi i liberi professionisti, che non è per niente buona.

Tra crisi internazionale, tasse (in Italia la pressione fiscale media è del 68,3%), previdenza, assicurazione, formazione, niente tariffe, nessuna tutela, tempi e procedure, bruocrazia e molto altro ancora, più che il termometro, credo sia più corretto utilizzare il barometro per misurare una pressione arrivata ormai a livelli di emergenza. La conseguenza, chiaramente, è visibile andando in giro quà e là in qualsiasi forum serio dove i professionisti possono dar sfogo al loro malessere. Mi viene in mente il post di un Architetto che rivolgendosi al proprio Presidente nazionale ha scritto:
"Caro Presidente, dopo oltre 30 anni di libera professione, oggi, con enorme rammarico giungo alla conclusione che il lavoro che amo e rispetto non esiste più. La professione non è più perseguibile ed il lavoro non c'è, se non solo per i grandi Architetti, visto che la loro committenza non ha certamente problemi economici. Inoltre le amministrazioni si arroccano nel cercare i più piccoli cavilli per non rilasciare le Autorizzazioni-Permessi di Costruire aumentando la burocrazia che diventa così una montagna sempre più invalicabile e difficile da scalare per i comuni mortali. Anche quando vengono presentati dei bellissimi progetti, questi vengono castrati e si creano così tante difficoltà che oltre a rendere necessaria la presenza di un legale, ne impediscono il rilascio. Le normative sono stantie e vanno riviste in funzione degli organismi urbani esistenti, non è più possibile lavorare considerando che ."....la legge si applica per i nemici e si interpreta per gli amici..." proprio come mi ha detto un avvocato.
Lasciateci fare dei bei progetti, che si possano realizzare, senza nodi scorsoi, nel rispetto di tutto e tutti, ma in ugual modo per tutti i tecnici.....Basta con i favoritismi della politica ma leggi chiare che diano le indicazioni su ciò che non si deve assolutamente fare, in maniera da rendere i progetti scorrevoli e senza interpretazioni"
.

Purtroppo avrei tanti esempi da fare, ma veniamo al sodo.
Il D.Lgs. n. 33/2014 ha dato inizio ad un nuovo corso relativamente agli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. Essendo anche gli ordini professionali e i consigli nazionali degli "enti pubblici non economici", anche loro hanno l'obbligo di trasparenza di:
  1. adottare propri regolamenti che si adeguino ai principi del D. Lgs 165/2011, al D. Lgs 150/2009 nonché alle disposizioni di cui al titolo III, e ai principi generali di razionalizzazione e contenimento della spesa;
  2. nominare un responsabile anticorruzione e trasparenza;
  3. creare una sezione all'interno del sito istituzionale denominata "Amministrazione Trasparente".

Il D.lgs. n. 33/2013 rende obbligatorio, dunque, per Consigli nazionali e Ordini territoriali l'inserimento nel proprio sito web istituzionale di una sezione denominata "Amministrazione trasparente" con sottosezioni relative a Disposizioni generali, Organizzazione, Bandi di concorso, Performance, Enti controllati, Attività e procedimenti, Provvedimenti, Controllo su imprese, Contributi e sovvenzioni, Bilanci, Patrimonio immobiliare, Pagamenti ed IBAN.

Volendo lasciare a voi lettori il compito di verificare la trasparenza dei vostri Ordini provinciali (se lo fate condividete le informazioni al mio indirizzo di posta elettronica o via twitter), in questo articolo mi sono limitato a dare un'occhiata alla sezione "Amministrazione trasparente" dei Consigli Nazionali degli Architetti P.P.C. e degli Ingegneri. Non ho potuto estenedere l'indagine al Consiglio Nazionale dei Geologi, perché negli ultimi giorni il loro sito è in manutenzione.

In riferimento a tale obbligo sul sito degli Architetti sono stati pubblicati soltanto i bilanci di previsione degli anni 2012, 2013 e 2014 mentre mancano i bilanci consuntivi per gli stessi anni; sul sito degli Ingegneri sono stati pubblicati i bilanci consuntivi del 2012 e del 2013 ed i bilanci preventivi del 2013 e del 2014.

Pur non comprendendo i motivi per i quali il Consiglio Nazionale degli Architetti non ha pubblicato i bilanci consuntivi dei vari anni, è possibile ricavare alcune importanti indicazioni di seguito evidenziate.

Bilancio di previsione Consiglio nazionale degli Architetti PPC Anno 2014
Totale Proventi 5.304.500,00
Spese per consulenze e collaborazioni 720.000,00
Indennità per i consiglieri 620.000,00
Indennità di missione per consiglieri 500.000,00
Sedute ordinarie e adempimenti per l'attività di consiglio 400.000,00
Indennità e spese per commissioni di lavoro 100.000,00
Organizzazione manifestazion i varie e promozioni 250.000,00
Conferenze nazionali ordini 140.000,00
Per un totale di 2.730.000,00 pari ad oltre il 50% del totale dei proventi.

Guardano la voce "Spese per consulenze e collaborazioni", anche qui sarebbe interessante che il CNAPPC pubblichi i nominativi di coloro cui sono state affidate le consulenze con i relativi importi.

In riferimento ai consiglieri, sembrerebbe che agli stessi vada un importo tra indennità di carica ed indennità di missione pari a 1.120.000,00 che suddiviso per 15 da un importo di circa 75.000,00 Euro l'anno ciascuno. Non male, voi che ne pensate?

Bilancio di previsione Consiglio nazionale degli Ingegneri Anno 2014
Totale Proventi 7.101.000,00
Spese per consulenze e collaborazioni 450.000,00
Indennità per i consiglieri 750.000,00
Indennità di missione per consiglieri 220.000,00
Sedute ordinarie e adempimenti per l'attività di consiglio 400.000,00
Indennità e spese per commissioni di lavoro 100.000,00
Organizzazione manifestazion i varie e promozioni 280.000,00
Conferenze nazionali ordini 70.000,00
Per un totale di 1.520.000,00 pari a circa il 20% del totale dei proventi.

Anche in questo caso, sarebbe interessante (oltre che trasparente) che il CNI possa far presente a tutti come sono stati spesi i 450.000,00 euro di consulenze e collaborazioni, pubblicando nominativi e relativi importi.

Per quanto concerne i consiglieri, agli ingegneri va un importo pari a 970.000,00 Euro che suddiviso per 15 da un importo di circa 65.000,00 Euro l'anno ciascuno. Anche qui, considerati i tempi, direi che non va affatto male.

Guardando i bilanci, mi chiedo: Come mai negli anni le indennità dei consiglieri non sono diminuite considerato che gli onorari dei professionisti sono crollati?Le logiche di Spending Review, portate in Italia da Mario Monti, non valgono per i consiglieri nazionali?

© Riproduzione riservata

Abusi Edilizi
Romolo Balasso

Edizione: dicembre 2018
Prezzo: € 34.00


PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa