Dalle Entrate nuovo modello RLI per la registrazione dei contratti di locazione e affitto di immobili

02/10/2017

8.676 volte

Il direttore dell’Agenzia delle Entrate con provvedimento prot. 112605 del 15 giugno 2017 ha approvato, unitamente alle relative istruzioni, il nuovo modello denominato: “Richiesta di registrazione e adempimenti successivi - Contratti di locazione e affitto di immobili”; si tratta del nuovo “modello RLI” per la registrazione dei contratti di locazione e affitto di immobili e per gli adempimenti successivi.

Nel nuovo modello, che deve essere utilizzato dal 19 settembre 2017 sono confluiti la maggior parte degli adempimenti fiscali legati alla registrazione dei contratti di locazione e di affitto, come:

  • richieste di registrazione dei contratti di locazione e affitto di beni immobili
  • proroghe, cessioni, subentro e risoluzioni dei contratti in argomento
  • esercizio o revoca dell'opzione per la cedolare secca
  • conguagli d'imposta
  • sublocazione di immobili
  • comunicazione dei dati catastali ai sensi dell'articolo 19, comma 15, del decreto legge 78/2010
  • contestuale registrazione dei contratti di affitto dei terreni e degli annessi "titoli Pac" (in sostituzione del "modello 69" per tali tipologie)
  • registrazione dei contratti di locazione con previsione di canoni differenti per le diverse annualità
  • registrazione dei contratti di locazione a tempo indeterminato
  • gestione della comunicazione della risoluzione o proroga tardiva in caso di cedolare secca
  • registrazione dei contratti di locazione di pertinenze concesse con atto separato rispetto all'immobile principale.

Infine, utilizzando, sia in fase di prima registrazione che in fase di adempimenti successivi, l'apposito prodotto software Rli, è possibile avvalersi del calcolo automatico delle imposte, delle sanzioni e degli interessi.
Il modello può essere presentato in modalità telematica direttamente dal contribuente - in tal caso, è necessario essere in possesso delle credenziali di accesso ai servizi telematici dell'Agenzia delle entrate - oppure avvalendosi degli intermediari abilitati (articolo 15 del decreto direttoriale 31 luglio 1998).
La presentazione telematica del modello può essere effettuata anche presso gli uffici territoriali dell'Agenzia da parte dei soggetti non obbligati alla registrazione telematica dei contratti di locazione.
Si ricorda che, una volta scelto un ufficio territoriale delle Entrate, anche telematicamente, lo stesso sarà competente per tutti gli adempimenti successivi del contratto di locazione e/o affitto.

In allegato il nuovo Modello RLI e le nuove Istruzioni.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa