Porto di Palermo: al via il Concorso internazionale di idee per la progettazione dei nuovi terminal crociere

25/01/2018

2.196 volte
Porto di Palermo: al via il Concorso internazionale di idee per la progettazione dei nuovi terminal crociere

L'Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Occidentale ha pubblicato un bando di concorso internazionale di idee per la progettazione dei nuovi terminal crociere, ro-ro e relative aree di interfaccia con la città nell'ambito delle previsioni del P.R.P. del porto di Palermo.

Il concorso è finalizzato all’acquisizione di un’idea progettuale per i nuovi terminal crociere e ro-ro, il collegamento con la stazione marittima esistente oltre all’individuazione di aree d’interazione città-porto, strumentali alle citate strutture ed idonee ad accogliere attività urbane compatibili con le funzioni portuali secondo le previsioni del nuovo PRP di Palermo.

L’importo presunto delle opere da progettare è di 70.300.000,00 Euro, compresi oneri di sicurezza; la suddivisione in categorie del Dm 17/6/2016 e relativi importi lavori è la seguente:

  • E.13, 38 150 000,00 Euro;
  • E.17, 199 000,00 Euro;
  • S.03, 15 000 000,00 Euro;
  • S.04, 5 000 000,00 Euro;
  • IA.01, 3 165 000,00 Euro;
  • IA.02, 3 165 000,00 Euro;
  • IA.03, 5 621 000,00 Euro.

Sono ammessi i soggetti di cui all’art. 46 del D.lgs. 50/2016, oltre che i lavoratori subordinati abilitati ex art. 156, co. 2, del D.lgs. 50/2016, in possesso dei seguenti requisiti:
a) art. 80 del D.lgs. 50/2016;
b) laurea in ingegneria e/o architettura e relativa iscrizione all’ordine professionale, presenza nel gruppo di progettazione di un geologo iscritto all’ordine;
c) fatturato globale per servizi di ingegneria e di architettura espletati nei migliori tre esercizi dell’ultimo quinquennio antecedente la pubblicazione del bando su GUCE per un importo non inferiore 3 372 825,22 Euro;
d) avvenuto svolgimento negli ultimi 10 anni di servizi di ingegneria ed architettura relativi a lavori appartenenti alle categorie di cui al detto D.M. per un importo globale per ogni categoria almeno pari all’importo stimato dei lavori e quindi E.13, 38 150 000,00 Euro; E.17, 199 000,00 Euro; S.03, 15 000 000,00 Euro; S.04, 5 000 000,00 Euro; IA.01, 3 165 000,00 Euro; IA.02, 3 165 000,00 Euro; IA.03, 5 621 000,00 Euro;
e) avvenuto svolgimento negli ultimi 10 anni di due servizi di ingegneria ed architettura relativi ai lavori appartenenti alle categorie di cui al detto D.M. per un importo totale non inferiore a 0,5 l’importo stimato dei lavori cui si riferisce la prestazione, calcolato con riguardo a ogni categoria e riferiti a tipologie di lavori analoghi per dimensione e per caratteristiche tecniche a quelli oggetto dell’incarico ovverossia E.13, 19 075 000,00 Euro; E.17, 99 500,00 Euro; S.03, 7 500 000,00 Euro; S.04, 2 500 000,00 Euro; IA.01, 1 582 500,00 Euro; IA.02, 1 582 500,00 Euro; IA.03, 2 810 500,00 Euro;
f) per le società di professionisti e d’ingegneria, numero medio annuo del personale tecnico utilizzato nel triennio 2015-2016-2017 (comprendente i soci attivi, i dipendenti e i consulenti con contratto di co.co.co. su base annua iscritti ai relativi albi professionali, ove esistenti, e muniti di partiva IVA e che firmino il progetto, ovvero firmino i rapporti di verifica del progetto, ovvero facciano parte dell’ufficio di direzione lavori e che abbiano fatturato nei confronti della società offerente una quota superiore al cinquanta per cento del proprio fatturato annuo, risultante dall’ultima dichiarazione IVA), in misura non inferiore a sette unità;
g) per i professionisti singoli e associati, numero di unità minime di tecnici, in misura non inferiore a sette unità, da raggiungere anche mediante la costituzione di un RTP;
h) artt. da 2 a 6, del D.M. 263/2016;
i) in caso di RT, presenza di almeno un giovane progettista, abilitato da meno di cinque anni alla professione secondo le norme dello Stato membro UE di residenza.

Ai sensi dell'art. 156, co. 6, del D.lgs. 50/2016, il vincitore del concorso potrà essere incaricato della redazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica, gli studi VIA, del progetto definitivo ed esecutivo a condizione che lo stesso sia in possesso dei requisiti sopra richiesti, lett. da a) ad i). Gli oneri di progettazione ammontano a 3 351 825,22 Euro comprese spese e oneri accessori, esclusi oneri prev. e IVA; per il computo si rimanda all’All. 4. Dalla somma di 3 351 825,22 Euro sarà detratto l'ammontare ricevuto del 1° premio; la parcella così determinata sarà oggetto di negoziazione da parte del vincitore con base sconto del 20 % sull'importo della stessa.

Informazioni relative ad una particolare professione
Architetti ed Ingegneri iscritti al relativo ordine professionale, abilitati a svolgere la professione, in regola per quanto attiene gli obblighi contributivi e in possesso dei requisiti di cui al punto II.2.4) del presente bando

Tipo di concorso: Procedura aperta

Criteri da applicare alla valutazione dei progetti

  • qualità architettonica dell’idea presentata, massimo 50 punti,
  • scelte funzionali, spaziali e di accessibilità della proposta ideativa quale elemento di raccordo e affaccio del waterfront della città, massimo 20 punti,
  • inserimento nel contesto urbano e configurazione architettonica delle aree di connessione esterne, massimo 20 punti,
  • soluzioni orientate alla sostenibilità ambientale, energetica e all’innovazione tecnologica, massimo 10 punti.

Informazioni relative ai premi
Il montepremi complessivo è di 98 000,00 Euro, di cui:

  • 1° premio di 77 000,00 Euro;
  • 2° premio di 21 000,00 Euro.

Informazioni complementari:
a) Il responsabile del procedimento è l’ing. Sergio La Barbera;
b) la procedura è autorizzata con Decreto n. 22 del 12.1.2018 del Presidente dell’Autorità;
c) è possibile effettuare autonomamente il sopralluogo ovvero, previa richiesta da inoltrare via PEC entro il 28.3.2018, con un accompagnatore dell’Ente – referente geom. Piero Vivona, tel. +39 0916277409;
d) all’indirizzo ftp://93.94.88.26, previo utilizzo delle credenziali Utente – idee, password – terminal, sono disponibili i seguenti allegati:
1) nuovo P.R.P. del porto di Palermo;
2) documento preliminare alla progettazione;
3) modello di domanda e dichiarazioni;
4) computo presuntivo dei corrispettivi per attività di progettazione;
e) la suddivisione in categorie d'opera di cui al DM Giustizia 17/6/2016 non è vincolante ai fini dello sviluppo delle proposte progettuali ma costituisce parametro di riferimento per l'individuazione dei requisiti speciali e per il calcolo del compenso professionale;
f) l'Ente, a suo insindacabile giudizio, si riserva la facoltà di non assegnare tutte o parte delle fasi progettuali;
g) limitatamente ai raggruppamenti si precisa che i requisiti di cui al punto II.2.4), lett. c), d) e f) del bando, devono essere posseduti cumulativamente dal raggruppamento; in ogni caso la mandataria possiede i requisiti necessari per la partecipazione alla gara in misura maggioritaria; altresì, in caso di raggruppamento o di consorzi il requisito lett. e), punto II.2.4) del bando, non è frazionabile ovvero per ogni categoria di cui al Dm giustizia 2016 il requisito deve essere posseduto per intero dal singolo componente del RT;
h) i consorzi stabili entro cinque anni dalla loro costituzione possono dimostrare i requisiti di cui alle lett. da c) a g), punto II.2.4) del bando, attraverso i requisiti delle società consorziate;
i) con riferimento al possesso dei requisiti di cui al punto II.2.4) del bando, lett. da a) a i), il concorrente stabilito in altro Stato membro o in uno dei paesi di cui all’art. 83, co. 3, del D.lgs. 50/2016, deve presentare dichiarazione giurata o secondo le modalità vigenti nello Stato nel quale è stabilito, inserendo la relativa documentazione dimostrativa circa il possesso dei requisiti nel sistema AVCpass;
j) sono escluse dalla partecipazione le persone che risultano coinvolte nell’elaborazione della documentazione di gara;
k) le spese di pubblicazione obbligatorie previste per legge sono rimborsate alla stazione appaltante dall’aggiudicatario entro il termine di 60 giorni dal provvedimento di aggiudicazione.
Ulteriori informazioni complementari sono contenute nel disciplinare di gara pubblicato sul profilo del committente.

Responsabile del procedimento: ing. Sergio La Barbera

Persone di contatto:

Per eventuali quesiti inerenti il bando inoltrare richiesta alle seguenti mail:

© Riproduzione riservata



Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa