Attestato di Prestazione Energetica (APE): cresce la spesa degli italiani

15/03/2018

3.059 volte

Anche nel 2017 la spesa per l’attestato di prestazione energetica continua a crescere. L’Osservatorio di ProntoPro ha analizzato i preventivi inviati dai certificatori energetici e ha scoperto che la spesa media prevista nel 2017 è stata pari a 155 euro.

Guardando ai prezzi rilevati nei capoluoghi di regione e prendendo a campione un bilocale di 79 metri quadrati emerge che il podio delle città più care resta invariato rispetto all’anno precedente con Trento (220 euro) e Aosta (190 euro) alla guida, seguite però da Bologna (180 euro) in luogo di Trieste (170 euro). Molto interessante il caso del capoluogo friulano che si caratterizza per una stabilizzazione dei costi e non vede alcuna variazione percentuale in termini di costi previsti per un Ape.

L’attestato, che ha una validità decennale, deve essere sempre accompagnato dal libretto di impianto e dal rapporto di controllo di efficienza. Può essere redatto da diverse figure professionali quali architetti, ingegneri, geometri e periti, ma anche laureati in scienze e tecnologie agrarie, forestali e ambientali, della chimica industriale, diplomati in meccanica o meccatronica, matematici, fisici o chimici (con corso di formazione) e solo su ProntoPro sono più di 15.000 i certificatori energetici iscritti.

La crescita dei costi per la realizzazione degli attestati energetici varia molto a seconda delle città prese in considerazione. Campobasso e Potenza sono i capoluoghi di regione in cui l’aumento percentuale dei costi è più importante: si va dal 33% di Campobasso al 30% di Potenza. Ciò nonostante, Potenza resta comunque una delle città in cui è più conveniente ottenere un attestato perché la media dei costi previsti è pari a 130 euro. Il capoluogo lucano è comunque secondo nel podio delle città più economiche, è infatti preceduto da Napoli, città in cui si spende 125 euro per un Ape, il 4% in più rispetto all’anno scorso.

Terzo posto per Ancona, Perugia e Torino, con una spesa media pari a 135 euro.

Solo tre le città in controtendenza rispetto al resto d’Italia. Si tratta di Venezia, Perugia e Ancona, in cui si riscontra un calo dei costi dal 16% (Perugia) al 7% (Venezia).

Segue tabella con i costi medi di redazione di un attestato di prestazione energetica per ogni capoluogo di provincia e variazione percentuale dal 2016 al 2017:

Regione Città
Costo APE
2017
Costo APE
2016
Variazione
percentuale
ABRUZZO L'Aquila
170.00 €
155.00 €
10%
BASILICATA Potenza
130.00 €
100.00 €
30%
CALABRIA Catanzaro
150.00 €
130.00 €
15%
CAMPANIA Napoli
120.00 €
115.00 €
4%
EMILIA ROMAGNA Bologna
180.00 €
145.00 €
24%
FRIULI VENEZIA GIULIA Trieste
170.00 €
170.00 €
0%
LAZIO Roma
145.00 €
125.00 €
16%
LIGURIA Genova
185.00 €
165.00 €
12%
LOMBARDIA Milano
165.00 €
160.00 €
3%
MARCHE Ancona
135.00 €
150.00 €
-10%
MOLISE Campobasso
160.00 €
120.00 €
33%
PIEMONTE Torino
135.00 €
135.00 €
0%
PUGLIA Bari
150.00 €
140.00 €
7%
SARDEGNA Cagliari
160.00 €
155.00 €
3%
SICILIA Palermo
150.00 €
125.00 €
20%
TOSCANA Firenze
145.00 €
140.00 €
4%
TRENTINO ALTO ADIGE Trento
220.00 €
200.00 €
10%
UMBRIA Perugia
135.00 €
160.00 €
-16%
VALLE D’AOSTA Aosta
190.00 €
165.00 €
15%
VENETO Venezia
140.00 €
150.00 €
-7%
ITALIA
155.00 €
145.00 €
7%

A cura di Ufficio Stampa ProntoPro.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa