Sisma Bonus: detrazione fiscale anche all'immobile locato

12/04/2018

2.717 volte

La detrazione Irpef del 50% per le spese relative agli interventi finalizzati all’adozione di misure antisismiche (sisma bonus - articolo 16, comma 1-bis, Dl 63/2013) può essere riconosciuta anche per gli interventi riguardanti immobili posseduti da società non utilizzati direttamente, ma destinati alla locazione.

Lo ha chiarito definitivamente la Posta della rivista di Fisco Oggi a seguito della domanda di un contribuente che chiedeva se "una società che realizza interventi antisismici su un immobile locato può beneficiare del sisma bonus?".

La risposta è stata: La detrazione Irpef del 50% per le spese relative agli interventi finalizzati all’adozione di misure antisismiche (sisma bonus - articolo 16, comma 1-bis, Dl 63/2013) spetta anche ai soggetti passivi Ires che sostengono le spese per gli interventi agevolabili (a condizione che le stesse siano rimaste a loro carico) e possiedono o detengono l’immobile in base a un titolo idoneo. Dato che la disciplina agevolativa è finalizzata, in senso ampio, alla messa in sicurezza degli edifici, il sisma bonus può essere riconosciuto anche per gli interventi riguardanti immobili posseduti da società non utilizzati direttamente, ma destinati alla locazione.

L'argomento era già stato trattato dall'Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 22/E del 12 marzo 2018 con la quale ha risposto all'istanza presentata per sapere se gli interventi di adeguamento antisismico sul proprio immobile possono beneficiare della detrazione prevista dal comma 1-bis dell'art. 16 del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63 convertito dalla legge 3 agosto 2013, n. 90 anche se le unità immobiliari risultanti dalla ristrutturazione saranno destinate alla locazione abitativa e commerciale e non all'utilizzo diretto ai fini produttivi da parte della Società.

Secondo le Entrate, considerato che la norma non pone alcun ulteriore vincolo di natura soggettiva od oggettiva al riconoscimento del beneficio, l'ambito applicativo dell’agevolazione deve intendersi in senso ampio, atteso che la norma intende favorire la messa in sicurezza degli edifici per garantire l’integrità delle persone prima ancora che del patrimonio. In definitiva, il "Sismabonus" può essere riconosciuto anche per gli interventi riguardanti immobili posseduti da società non utilizzati direttamente ma destinati alla locazione.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa