Zone franche urbane, dal Mise chiarimenti sulle modalità di funzionamento delle agevolazioni

17/04/2018

1.927 volte

Potranno essere presentata dal 4 al 23 maggio 2018 le domande per l’accesso alle agevolazioni previste per le piccole/micro imprese e i professionisti localizzati nelle zone franche urbane (ZFU) di Pescara, Matera, Velletri, Sora, Ventimiglia, Campobasso, Cagliari, Iglesias, Quartu Sant’Elena e Massa-Carrara.

Alle suddette ZFU, individuate dalla delibera CIPE n. 14 dell'8 maggio 2009, sono state destinate, ai sensi di quanto stabilito dall’art. 1, comma 603, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, le risorse finanziarie previste dall’art. 22-bis, comma 1, del decreto-legge n. 66 del 2014, ovvero 29,4 milioni di euro.

Al fine di fornire maggiori chiarimenti in merito alle modalità di funzionamento delle agevolazioni e sui termini di presentazione delle istanze, il Ministero dello Sviluppo Economico ha emesso la Circolare 9 aprile 2018, n. 172230 recante "Agevolazioni in favore delle piccole e micro imprese e dei professionisti localizzati nelle zone franche urbane. Circolare esplicativa delle modalità di funzionamento degli interventi di cui al decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, 10 aprile 2013, così come integrato e modificato con decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, 5 giugno 2017, nonché dei termini di presentazione delle istanze relative alle zone franche urbane di cui alla delibera CIPE n. 14 dell’8 maggio 2009 non comprese nell’ex obiettivo Convergenza"

La circolare definisce:

  • le agevolazioni concedibili;
  • i soggetti beneficiari delle agevolazioni;
  • le risorse finanziarie disponibili;
  • le modalità di presentazione dell’istanza;
  • i termini di presentazione delle istanze relative alle ZFU di cui alla delibera CIPE n. 14 dell’8 maggio 2009 non comprese nell’ex obiettivo Convergenza;
  • intensità e decorrenza delle agevolazioni;
  • la concessione delle agevolazioni;
  • informazioni antimafia;
  • le modalità di fruizione delle agevolazioni;
  • le modalità di comunicazione tra soggetti beneficiari e Ministero.

Agevolazioni concedibili

Le agevolazioni concedibili sono rappresentate dalle seguenti esenzioni fiscali e contributive:
a) esenzione dalle imposte sui redditi;
b) esenzione dall’imposta regionale sulle attività produttive;
c) esenzione dall’imposta municipale propria;
d) esonero dal versamento dei contributi sulle retribuzioni da lavoro dipendente.

Soggetti beneficiari delle agevolazioni

Possono beneficiare delle agevolazioni:
a) le imprese;
b) i professionisti.

In allegato la circolare e gli allegati necessari per la presentazione delle istanze.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa