Affitto di immobili da parte della PA: Per il Consiglio di Stato vanno sottoposti ai controlli dell’ANAC

15/05/2018

2.050 volte

In riferimento ai contratti “aventi ad oggetto l’acquisto o la locazione, quali che siano le relative modalità finanziarie, di terreni, fabbricati esistenti o altri beni immobili o riguardanti diritti su tali beni” vanno rispettati i principi “di economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, proporzionalità, pubblicità, tutela dell’ambiente ed efficienza energetica” previsti dall’art. 4 del Codice dei contratti (D.Lgs. n. 50/2016) per tutti i contratti pubblici esclusi, in tutto o in parte, dall’ambito di applicazione oggettiva del codice; conseguentemente, la vigilanza e il controllo sui detti contratti pubblici sono attribuiti all’Autorità Nazionale Anticorruzione ai sensi dell’art. 213 dello stesso Codice.

A questa conclusione arriva il Consiglio di Stato con il parere 10 maggio 2018, n. 1241.

Tutto nasce con l’acquisto, da parte dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, del complesso immobiliare di via Carucci, 71 a Roma - importo massimo di € 73.220.500,00 (oltre iva) ed a seguito di un esposto indirizzato alla Procura della Corte dei Conti ed inviato per conoscenza all’Autorità, il Codacons ha rappresentato alcune presunte anomalie nella procedura di acquisto, da parte dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, del citato complesso immobiliare sito a Roma.

A seguito di tale esposto, l’Ufficio vigilanza servizi e forniture dell’Autorità ha avviato un’attività di riscontro dei fatti ed ha chiesto all’Agenzia delle Dogane informazioni sull’operazione di compravendita e, successivamente, con nota del 10 novembre 2017, ha chiesto al Consiglio dell’Autorità, ai sensi dell’art. 19, comma 2, del Regolamento di vigilanza, l’autorizzazione all’invio all’Agenzia delle Dogane di una “comunicazione di risultanze istruttorie” (CRI), in quanto, avendo l’Agenzia provveduto ad una trattativa diretta per l’acquisto dell’immobile, avrebbe dovuto essere contestata la violazione dei principi di imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, pubblicità ed economicità, esplicitamente previsti dall’art. 4 del d.lgs. n. 50 del 2016 (codice dei contratti).

Il Consiglio dell’ANAC nella seduta del 17 gennaio 2018, preso atto del parere dell’Ufficio precontenzioso e pareri, ha ritenuto indispensabile rivolgersi al Consiglio di Stato per l’interpretazione dell’art. 4 del codice dei contratti, nonché per l’individuazione dell’ambito di competenza dell’Autorità, ai sensi dell’art. 213, comma 1, dello stesso codice dei contratti.

I Giudici di Palazzo Spada, nel proprio parere, si esprimono in maniera estremamente chiara precisando che i contratti “aventi ad oggetto l'acquisto o la locazione, quali che siano le relative modalità finanziarie, di terreni, fabbricati esistenti o altri beni immobili o riguardanti diritti su tali beni" devono rispettare i “principi di economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, proporzionalità, pubblicità, tutela dell'ambiente ed efficienza energetica“ e, quindi, con la conclusione che “la vigilanza e il controllo sui detti contratti pubblici sono attribuiti all'Autorità Nazionale Anticorruzione ai sensi dell’art. 213 del codice”.

A cura di arch. Paolo Oreto

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa