Dissesto idrogeologico e Progettazione: entro il 15 novembre il contributo ai Comuni in zone a rischio sismico 1 e 2

09/11/2018

5.170 volte
Dissesto idrogeologico e Progettazione: entro il 15 novembre il contributo ai Comuni in zone a rischio sismico 1 e 2

Sono stati finalmente assegnati i contributi, che saranno erogati dal Ministero dell'Interno entro il 15 novembre 2018, ai Comuni compresi nelle zone a rischio sismico 1 e 2 per spese di progettazione definitiva ed esecutiva, relativa ad interventi di miglioramento e di adeguamento antisismico di immobili pubblici e messa in sicurezza del territorio dal dissesto idrogeologico.

È stato, infatti, pubblicato sul S.O. n. 53 alla Gazzetta Ufficiale n. 259 del 7 novembre 2018 il Decreto Ministero dell'Interno 19 ottobre 2018 recante "Contributo ai comuni, compresi nelle zone a rischio sismico 1 e 2, a copertura delle spese di progettazione definitiva ed esecutiva nelle zone a rischio sismico e per la messa in sicurezza del territorio dal dissesto idrogeologico".

Il decreto elenca le richieste ritenute ammissibili e considerate per l'erogazione del contributo previsto dal Fondo per la progettazione definitiva ed esecutiva nelle zone a rischio sismico 1 e 2 di cui all'articolo 41-bis del decreto legge n. 50 del 24 aprile 2017, convertito con modificazioni dalla legge 21 giugno 2017 n. 96, come modificato ai sensi dell'articolo 17-quater, comma 1, del decreto legge 16 ottobre 2017, n. 148 ,convertito con modificazioni dalla Legge 4 dicembre 2017, n. 172.

Ricordiamo che il comma 2 dell'art. 41-bis del D.L. n. 50/2017 stabilisce che "I comuni comunicano le richieste di contributo al Ministero dell'interno, entro il termine perentorio del 15 giugno per ciascuno degli anni 2018 e 2019. La richiesta deve contenere le informazioni riferite al livello progettuale per il quale si chiede il contributo e il codice unico di progetto (CUP) valido dell'opera che si intende realizzare. A decorrere dal 2018:
a) la richiesta deve contenere le informazioni necessarie per permettere il monitoraggio complessivo degli interventi di miglioramento e adeguamento antisismico di immobili pubblici e di messa in sicurezza del territorio dal dissesto idrogeologico, in caso di contributo per la relativa progettazione;
b) ciascun comune può inviare fino ad un massimo di tre richieste di contributo per la stessa annualità;
c) la progettazione deve riferirsi, nell'ambito della pianificazione comunale, a un intervento compreso negli strumenti programmatori del medesimo comune o in altro strumento di programmazione.
".

Ricordiamo che, ai sensi dell'art. 41-bis del D.L. n. 50/2017, i contributi relativi alle spese di progettazione definitiva ed esecutiva, concernente interventi di opere pubbliche, sono stati assegnati, fino a concorrenza delle risorse disponibili, pari a 25 milioni di euro per l'anno 2018, ai comuni che hanno prodotto richieste di contributo ritenute ammissibili e considerate nell'allegato 1 al Decreto 19 ottobre 2018 e indicate nella graduatoria di cui all'allegato 2 al Decreto 19 ottobre 2018 stesso, per un totale complessivo di euro 24.082.139,70. I restanti 917.860,30 euro non sono stati assegnati ma sono rimasti all'interno del Fondo.

Il contributo sarà erogato dal Ministero dell'interno entro il 15 novembre 2018.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa