Regione siciliana: Nominato il Dirigente responsabile dell’Ufficio speciale per la progettazione

27/12/2018

4.297 volte
Regione siciliana: Nominato il Dirigente responsabile dell’Ufficio speciale per la progettazione

La Regione siciliana, con deliberazione della Giunta regionale n. 513 del t2 dicembre 2018, ha conferito all'ing. Leonardo Santoro, Dirigente di terza fascia dell'Amministrazione regionale, l'incarico di Dirigente responsabile dell'Ufficio Speciale per la progettazione con i compiti, le funzioni e la dotazione attribuiti con deliberazione della Giunta regionale n. 426 del 4 novembre 2018, per la durata di anni tre, salvo quanto previsto dalle vigenti.

All’atto di interpello relativo al conferimento dell’incarico hanno manifestato il loro interesse 14 dirigenti presentando curricula e dichiarazioni. Nella delibera la Giunta regionale ha segnalato che tutti i candidati hanno maturato una esperienza professionale trentennale ed ha evidenziato, con riferimento, in particolare, al requisito del possesso di competenze tecniche correlate sia al titolo di studio sia all'esperienza professionale, le esperienze professionali dell'ing. Bruno Manfrè, dell'ing. Calogero Crapanzano, dell'ing. Francesco Puglisi e dell'ing. Leonardo Santoro, maturate nell'ambito della direzione di attività di progettazione delle opere pubbliche regionali.

Ricodiamo che la Regione siciliana con la Delibera Giunta Regione Siciliana 4 novembre 2018, n. 426 recante "Legge regionale 15 maggio 2000, n. 10, articolo 4, comma 7. Istituzione Ufficio Speciale per la progettazione regionale" ha attivato l’Ufficio Speciale per la progettazione (leggi articolo ), alle dipendenze del Presidente della Regione, per la durata di 3 anni, avrebbe le seguenti funzioni:

  • esercitare l'intera attività di progettazione, esecuzione e collaudo dei lavori pubblici regionali, nonché ogni altra attività rientrante nei "servizi di architettura e ingegneria e altri servizi tecnici";
  • stipulare apposite convenzioni con i Comuni, i Liberi consorzi comunali e le Città metropolitane per espletare, a loro favore, le attività di cui all'art. 24 (Progettazione interna e esterna alle amministrazioni aggiudicatrici in materia di lavori pubblici) del D.Lgs. n. 50/2016.

A tal fine, è previsto:

  • l'immediato inserimento di un Dirigente dotato di requisiti curriculari e professionali in linea con le funzioni ed i compiti, cui corrispondere il livello massimo di retribuzione previsto per il personale dirigenziale oltre alla retribuzione di risultato;
  • il trasferimento di 50 unità di personale dell'Amministrazione regionale, da reclutarsi nell'ambito delle professionalità tecniche quali ingegneri, architetti, geologi e geometri, fino a un massimo di 5 unità con profilo amministrativo contabile.

Restano i dubbi e le perplessità di architetti ed ingegneri sulla necessità dell’attivazione dell’Ufficio Speciale per la progettazione ed è già arrivato il fuoco incrociato contro l'Ufficio speciale per la progettazione di opere pubbliche. Dopo Inarsind (leggi articolo) e OICE (leggi articolo), anche Architetti e Ingegneri (leggi articolo) contro la scelta di centralizzare i servizi di progettazione.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa