Il consolidamento fondazioni di un edificio condominiale di 8 piani

19/12/2018

2.661 volte
Il consolidamento fondazioni di un edificio condominiale di 8 piani

Una delle cause più frequenti di cedimenti del terreno e delle fondazioni è legata alle infiltrazioni d’acqua. In particolare nelle nostre città sia la rete fognaria che quella degli acquedotti sono soggette a rotture e perdite che possono determinare fuoriuscite d’acqua molto importanti. Non è infatti raro che questi incidenti determinino vere e proprie inondazioni con apertura di cavità nel manto stradale e talora danni agli edifici.

Di seguito esponiamo una referenza legata proprio al consolidamento di un edificio a Napoli interessato proprio da questa problematica.

IL DISSESTO

Si tratta di un condominio di 8 piani, superficie di oltre 900 mq, fondato su plinti isolati,  realizzati su pali battuti di lunghezza 14 m. La struttura in oggetto è sito in zona Colli Aminei a Napoli.

Il fabbricato ha subito nel 2015 un cedimento determinato da una importante perdita d’acqua della conduttura pubblica cittadina. La tubazione è ubicata su Via Nicolardi, adiacente alla struttura. La copiosa perdita d’acqua ha causato l’apertura di una voragine nella strada ed ha dilavato e rammollito un importante volume di sottosuolo. Il terreno della zona è di origine vulcanica e nonostante la presenza di pali di fondazione profondi la struttura ha subito un cedimento su un angolo. Il dissesto ha generato diverse crepe sui muri divisori a vari livelli della struttura, ovviamente concentrate nell’angolata del fabbricato più vicina alla zona inondata dall’acqua. Mentre non ha per fortuna lesionato il telaio in cemento armato dell’edificio.

IL CONSOLIDAMENTO SYSTAB

Il Progettista dopo diverse indagini geognostiche e un lungo periodo di monitoraggio di precisione dell’immobile, ha optato per un intervento veloce e soprattutto poco invasivo da realizzare su tutta l’impronta fondale del condominio. Si è così scelto di intervenire mediante un consolidamento con iniezione di resine a densità differenziata con Sistema SYSTAB.

Systab

L’intervento proposto e realizzato da SYStab ha previsto l’impiego di tipologie differenti di resina, scelte sia sulla base delle caratteristiche del terreno da trattare, sia in corso d’opera nelle varie fasi dell’iniezione. In particolare sono state impiegate resine ad alta densità e resine poliuretaniche ad alto potere espandente. L’iniezione alternata delle due resine ha permesso di saturare al meglio il terreno di natura piroclastica (pozzolana e ceneri rimaneggiate che sono state sciolte e dilavate dalla perdita d’acqua). L’impiego di due tipi di resina ha consentito di ottenere nel nodo terreno - fondazione:

  • compattazione dei terreni ed incremento delle caratteristiche meccaniche;
  • riempimento di cavità con diminuzione dell’indice dei vuoti;
  • separazione dall’acqua ed impermeabilizzazione.

Il consolidamento con iniezione di resine espandenti ha interessato tutta l’impronta fondale per un totale di 60 pilastri ed è stato realizzato con un monitoraggio continuo della struttura con livelli laser di precisione. Sono state poi eseguite svariate prove geognotische pre e post iniezione, atte a verificare e collaudare il miglioramento geomeccanico dei terreni e la saturazione dei volumi consolidati. L’intervento è stato ultimato in 10 giorni, senza alcuna necessità di scavi, attraverso l’esecuzione fori di diametro 25 millimetri alla base dei pilastri da trattare. La ridotta invasività ha permesso di operare dal piano terra all’interno di negozi e attività commerciali, senza interrompere l’attività lavorativa delle stesse.

Il condominio è tuttora sotto monitoraggio ma non ha evidenziato al momento altri cedimenti e movimenti patologici delle strutture.

Lavoro eseguito da:

SYSTAB SRL

Systab

© Riproduzione riservata



Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa