Ponte Morandi: In Gazzetta ufficiale 2 nuovi decreti del Ministero delle infrastrutture

04/02/2019

1.613 volte

Sulla Gazzetta ufficiale n. 25 del 30 gennaio 2019 sono stati pubblicati due decreti del ministero delle infrastrutture e dei trasporti entrambi datati 24 dicembre 2018.

Il primo decreto recante “Attuazione degli interventi di cui all’articolo 5, comma 3, del decreto-legge 28 settembre 2018, n. 109, convertito, con modificazioni, dalla legge 16 novembre 2018, n. 130, in conseguenza dell’evento del crollo di un tratto del viadotto Polcevera”, al fine di consentire il ristoro delle maggiori spese affrontate dagli autotrasportatori, derivanti dalla forzata percorrenza di tratti autostradali e stradali aggiuntivi in conseguenza dell’evento del crollo di un tratto del viadotto Polcevera, definisce le tipologie di spesa ammesse a ristoro, nonché i criteri e le modalità per l’erogazione a favore degli autotrasportatori, delle risorse autorizzate dall’art. 5, comma 3, del decreto-legge 28 settembre 2018, n. 109, convertito, con modificazioni, dalla legge 16 novembre 2018, n. 130.

Le risorse finanziarie disponibili per il ristoro delle maggiori spese ammontano a 20 milioni di euro e sono trasferiti dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti direttamente sulla contabilità speciale del Commissario delegato di cui all’ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione civile 20 agosto 2018, n. 539. Il Commissario delegato, di cui alla citata ordinanza, provvede all’erogazione delle risorse a ciascuna impresa ammessa a ristoro, all’esito dell’istruttoria svolta dall’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure occidentale, nella misura unitaria pari all’ammontare dello stanziamento suddiviso per il numero di missioni.

Il secondo decreto recante “Attuazione degli interventi di cui all’articolo 7, comma 2-ter, del decreto-legge 28 settembre 2018, n. 109, convertito, con modificazioni, dalla legge 16 novembre 2018, n. 130, al fine di garantire l’operatività portuale anche attraverso l’organizzazione di servizi ferroviari di navettamento ovvero di treni completi in arrivo e in partenza dal porto di Genova da e verso i retroporti” stabilisce le modalità per la concessione del contributo di cui all’art. 7, comma 2 -ter , del decreto-legge n. 109/2018, convertito al fine di garantire l’operatività portuale anche attraverso l’organizzazione di servizi ferroviari di navettamento ovvero di treni completi in arrivo e in partenza dal porto di Genova da e verso i retroporti.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

 

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa