Vademecum DOCFA: pubblicate le linee guida per l'accettazione degli atti di aggiornamento del Catasto Edilizio Urbano

06/03/2019

9.184 volte

Favorire una maggiore omogeneità nella compilazione e trattazione degli atti d'aggiornamento del catasto edilizio urbano (CEU), nel rispetto delle disposizioni normative e di prassi vigenti.

È questo l'obiettivo delle Linee Guida operative 16 gennaio 2019 recanti "Accettazione degli atti di aggiornamento del Catasto Edilizio Urbano Do.C.Fa." messe a punto dall'Agenzia delle Entrate - Direzione Regionale della Lombardia e la Consulta Regionale dei Geometri e Geometri Laureati della Lombardia.

Un vero e proprio vademecum che vuole rappresentare uno strumento di lavoro d'uso quotidiano, che contenga le risposte tecniche alle problematiche più frequenti per la redazione degli atti di aggiornamento con l'obiettivo, ulteriore, di supportare i professionisti nella redazione di tali atti e i tecnici dell'Ufficio nell'attività di accettazione e registrazione in banca dati.

Tali linee guida non sono un mero riepilogo della normativa di riferimento, ma un compendio completo della trattazione dei casi concreti e particolari, a cui si aggiungono le oltre 40 FAQ di sintesi alle criticità sollevate dai professionisti. Un esempio per tutti, la causale “esatta rappresentazione grafica” che si usa per le piccole correzioni che non comportano variazioni di consistenza o di rendita, a cui viene data per la prima volta una risposta.

Il Vademecum si compone di 7 capitoli:

  1. L’unità immobiliare
  2. Le categorie catastali e il classamento delle unità immobiliari
  3. La dichiarazione con la procedura do.c.fa
  4. Elaborati grafici
  5. I modelli 1N e 2N
  6. Approfondimenti
  7. Appendice

Molto interessante la sezione relativa all'appendice che riposta diversi esempi di compilazione di dichiarazioni Do.C.Fa. In particolare:

  • Costituzione area urbana con modifica del lotto edificato (in assenza di EP agli atti)
  • Costituzione area urbana senza modifica del lotto edificato
  • Individuazione di porzione di UIU con opere già eseguite
  • Individuazione di porzione di UIU con opere da eseguire
  • Individuazione di porzione di UIU (parte di vano) con opere da eseguire
  • Unità afferenti edificate su area di corte – pratica 1 di 2
  • Unità afferenti edificate su area di corte – pratica 2 di 2 - quote definite in atto
  • Unità afferenti edificate su area di corte – pratica 2 di 2 - quote provvisorie
  • Dichiarazione di porzione di UIU (particella con EP presente agli atti) - pratica 1 di 2
  • Dichiarazione di porzione di UIU (particella con EP presente agli atti) - pratica 2 di 2
  • Costituzione con contestuale dichiarazione di porzione di UIU – pratica 1 di 2
  • Costituzione con contestuale dichiarazione di porzione di UIU – pratica 2 di 2
  • Categoria D – esempio n. 1: “un solo corpo di fabbrica”
  • Categoria D - esempio n. 2: “più corpi di fabbrica”

In allegato il vademecum.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa