Alcuni progetti sviluppati con il software 3Muri di STA DATA

21/03/2019

1.211 volte

Presentiamo di seguito una serie di esempi reali di interventi di progettazione effettuati da Contec Ingegneria, che riguardano complessi ed edifici situati a Verona: il complesso monumentale sede del comando dei vigili urbani in via del Pontiere, la sede della Fondazione Accademia Belle Arti e il Palazzo del Capitano. Si tratta di esempi concreti di progettazioni realizzate con il software 3Muri, validi esempi delle sfide che i progettisti si trovano di fronte nella pratica professionale.

1. VALUTAZIONE DELLA VULNERABILITA' SISMICA DEL COMPLESSO MONUMENTALE SEDE DEL COMANDO DEI VIGILI URBANI IN VIA DEL PONTIERE A VERONA

La sede del Comando della Polizia Municipale di Verona è collocata negli edifici dell’ex Convento e la Chiesa di San Domenico, situati presso le mura cittadine, in Via del Pontiere e rappresentano una preziosa testimonianza artistica dell’ architettura del XVI-XVII Secolo nella città. I due edifici religiosi, edificati nei primi anni del Cinquecento, documentano la presenza dell’Ordine Domenicano a Verona risalente già a partire dai primi anni del XII Secolo.

Su incarico del Comune per l’edificio in esame si è proceduto ad analizzare il comportamento in caso di evento sismico orientato a determinarne l’indice di vulnerabilità sismica. Dopo aver definito e coordinato una opportuna campagna di indagini sui materiali, con i dati raccolti si è proceduto alla modellazione delle strutture esistenti.

Gli esiti ottenuti dalla modellazione hanno orientato la scelta di non procedere con lo sviluppo di ipotesi di intervento di miglioramento sismico, considerando anche le difficoltà introdotte dal vincolo monumentale. La sede del Comando dei Vigili verrà dislocata in un altro sito.

Si riportano alcune immagini significative della modellazione eseguita.

Sta DATA Figura 1: Foto aerea

Sta DATA Modello struttura

Sta DATA Rappresentazione grafica modello struttura

2. VALUTAZIONE DELLA VULNERABILITA' SISMICA SEDE FONDAZIONE ACCADEMIA BELLE ARTI VERONA

Il Palazzo Montanari Verità è la prestigiosa sede dell’Accademia di Belle Arti di Verona “G. B. Cignaroli” dal 1949, luogo nel quale ricerca e sperimentazione diventano creatività ed innovazione.

Eretto nel 1583 da Giacomo Verità e divenuto di proprietà comunale nel 1892, il palazzo presenta una facciata sanmicheliana per evidenti stilemi proposti (chiavi, portale, loggia).

Un muro con merli coronati da una grossa palla chiude il cortile antistante l'edificio.

Per l’edificio in esame si è proceduto ad analizzare il comportamento in caso di evento sismico in modo da determinarne l’indice di vulnerabilità sismica. Il complesso è stato analizzato dapprima in riferimento allo stato attuale e successivamente tenendo conto delle modifiche progettuali introdotte. L’attività tecnica è stata finalizzata alla valutazione del comportamento globale dell’edifico in caso di azione sismica nella nuova configurazione.

Si riportano alcune immagini significative della modellazione eseguita.

Sta DATA Foto aerea

Sta DATA Modello struttura

Sta DATA Rappresentazione grafica modello struttura

3. PROGETTAZIONE STRUTTURALE E VERIFICA VULNERABILITÀ SISMICA PALAZZO DEL CAPITANIO

Situato nel cuore del centro storico di Verona in prossimità delle Arche Scaligere - il noto complesso funerario in stile gotico della famiglia Della Scala - e Piazza Dante (formalmente Piazza dei Signori), il Palazzo del Capitano è un imponente complesso medievale che ha ricoperto nel tempo diverse denominazioni (Palazzo di Cansignorio, Palazzo del Podestà, Palazzo Pretorio, Palazzo del Tribunale) e diverse destinazioni d’uso: residenza, funzioni amministrative legate alle figure di potere che vi alloggiavano, tribunale, carcere.

L’attuale intervento di restauro - voluto dalla Fondazione Cariverona - mira a restituire il palazzo alla città di Verona attraverso nuovi spazi culturali e servizi complementari a essi connessi.

Per l’edificio in esame si è proceduto ad analizzare il comportamento in caso di evento sismico in modo da determinarne l’indice di vulnerabilità sismica. Il complesso è stato analizzato dapprima in riferimento allo stato attuale e successivamente allo stato di progetto in modo da poter affermare che gli interventi proposti fossero migliorativi in riferimento al comportamento globale dell’edifico in caso di azione sismica in funzione della nuova destinazione d’uso.

Si riportano alcune immagini significative della modellazione eseguita.

Sta DATA Foto aerea

Sta DATA Modello struttura

Sta DATA Rappresentazione grafica modello struttura

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa