Codice dei contratti e sblocca cantieri: Per Confindustria decreto-legge da rivedere

07/05/2019

1.371 volte

Quanto all’azione di sblocco, il DL segue un’impostazione parzialmente differente: da un lato, esso dispone un’ampia revisione del Codice dei contratti pubblici (CCP) che, essendo applicabile alle nuove gare, potrà essere efficace solo nel medio termine; dall’altro, interviene sullo stock delle opere bloccate esclusivamente mediante i commissariamenti, la cui effettività è peraltro subordinata all’adozione di provvedimenti successivi. A tale ultimo riguardo, Confindustria evidenzia: i) l’assenza di una specifica struttura tecnica di supporto per la selezione delle opere da commissariare e il lavoro dei commissari; ii) la necessità di individuare celermente le opere prioritarie e provvedere, di conseguenza, alla nomina dei primi commissari. Con riferimento agli interventi sul CCP, non si può non evidenziare che alcune misure rischiano di alterare le scelte di fondo del nuovo Codice, in danno dell’effettiva concorrenza e della qualità dell’offerta. Ci riferiamo, ad esempio: i) all’assetto previsto per gli appalti sotto soglia; nonché, ii) all’eliminazione del tetto del 30% per il punteggio economico per la valutazione dell'offerta economicamente più vantaggiosa (OEPV), che penalizza in modo particolare gli appalti ad alto contenuto tecnologico o innovativo e quelli ad alta intensità di manodopera. Particolarmente critica è poi la previsione dell’esclusione degli operatori economici dalle gare in presenza di violazioni degli obblighi fiscali non definitivamente accertate, sulla quale ci soffermeremo nel prosieguo.”.

È quanto si legge nel documento presentato da Confindustria nel corso dell’Audizione di ieri alle Commissioni riunite 8a e 13a del Senato. In allegato il documento presentato da Confindustria.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa