Sblocca Cantieri e Codice dei contratti, Fondazione Inarcassa: ‘No a incentivo 2% e appalto integrato’

09/05/2019

2.068 volte

Ci appelliamo al Governo affinché intervenga per modificare le norme contenute nel Decreto nelle parti riguardarti la reintroduzione dell’incentivo del 2% per le attività di progettazione ad opera dei pubblici dipendenti e il ricorso all’appalto integrato”.

Lo ha affermato il Presidente di Fondazione Inarcassa, la Fondazione architetti e ingegneri liberi professionisti iscritti ad Inarcassa, Egidio Comodo che sull’argomento si era già espresso chiaramente prima ancora dell’approvazione dello Sblocca Cantieri da parte del Consiglio dei Ministri (leggi articolo).

La misura dell’incentivo al 2% per i dipendenti pubblici - ha sottolineato Comodo - comporterebbe inevitabilmente uno svilimento del ruolo e della qualità del lavoro garantita dai liberi professionisti che operano nei confronti della pubblica amministrazione e avvantaggerebbe i soli dipendenti pubblici con un’integrazione importante del loro, già sicuro, stipendio”.

Stesse considerazioni sull’appalto integrato sul quale il Presidente di Fondazione Inarcassa ha affermato: “Il ricorso all’appalto integrato deve essere limitato ai soli casi particolari, quando ad esempio per complessità e particolarità tecnica dell’opera si necessita del supporto diretto dell’impresa. In passato - ha concluso Comodo - ricorrere all’appalto integrato non ha prodotto grandi vantaggi in termini di tempi e qualità progettuale”.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa