Burocrazia: Guida e valutazioni dell’ANCE

12/06/2019

1.013 volte

L’Ance (Associazione Nazionale Costruttori Edili) ha pubblicato il secondo numero della collana che l’Associazione ha voluto sviluppare per offrire uno strumento semplice e agevole, di immediato utilizzo, per affrontare alcuni nodi fondamentali per lo sviluppo e il bene sociale.

In secondo numero è affrontato il tema dell’eccesso di burocrazia, che è un pesante macigno che blocca il Paese: impedisce la messa in sicurezza dei territori, frena la manutenzione delle opere esistenti e arresta la realizzazione di quelle nuove, necessarie alla collettività.

Con un paradosso: i soldi ci sono, ma non si riesce a spenderli. Si incagliano in mille pastoie burocratiche, al punto che occorre restituirli prima ancora di averli utilizzati.

Nel caos normativo, l’unica salvezza percepita dai dipendenti pubblici è quella di restare fermi, non fare nulla per paura di sbagliare. È per questo che proliferano commissari ad acta, cabine di regia, unità di missione, deroghe a pioggia, fino al “top di gamma”: il Supercommissario!

Risultato: un gravissimo danno sociale per i cittadini, che non possono contare su un Paese moderno, un territorio presidiato e tutelato e su infrastrutture sicure ed

efficienti. Come uscirne?

Le proposte dell’ANCE qui di seguito indicate:

  • No al Gioco dell’oca nei processi decisionali
  • No ad innumerevoli passaggi procedurali tra i Ministeri
  • No all’ingorgo del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici
  • Sì a controlli più veloci e più efficaci della Corte dei Conti
  • No alle conferenze di servizi infinite
  • Stop alla burocrazia difensiva
  • Sì all’ANAC che vigila e non legifera
  • No ai Supercommissari in deroga alle regole sulla concorrenza

ed illustrate nella Guida hanno, quindi, l’obiettivo di tracciare una possibile via d’uscita.

In allegato la Guida pratica: Stop Burocrazia.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa