Codice dei contratti e sblocca Cantieri: Il testo a fronte con i tre regimi

24/06/2019

9.022 volte

L’entrata in vigore della legge 14 giugno 2019, n. 55 di conversione del decreto-legge 18 aprile 2019, n. 32, tutte le modifiche al Codice dei contratti che sono state oggetto di un superemendamento (predisposto unitamente dalla Lega e dal M5S) all’articolo 1 del provvedimento rende necessario, visto che le modifiche finali sono, in parecchi casi, di gran lunga diverse dalle modifiche precedentemente introdotte dal decreto-legge n. 32/2019, definire le norme vigenti antecedentemente all’entrata in vigore del decreto-legge 18 aprile 2019, nei due mesi di vigenza del citato decreto-legge e, successivamente all’entrata in vigore della legge 4 giugno 2019, n, 55 di conversione del decreto-legge.

Abbiamo, dunque, predisposto un testo a tre colonne in cui:

  • nella colonna di sinistra, è stato riportato il testo previgente del decreto legislativo 18 aprile 2019, n. 50;
  • nella colonna centrale è stato riportato il testo modificato dagli artt. 1 e 2 del decreto-legge 18 aprile 2019, n. 32, recante “Disposizioni urgenti per il rilancio del settore dei contratti pubblici, per l’accelerazione degli interventi infrastrutturali, di rigenerazione urbana e di ricostruzione a seguito di eventi sismici;
  • nella colonna di destra è stato riportato il testo modificato dagli artt. 1 e 2 della legge 14 giugno 2019, n. 55 di conversione del d.l. n. 32/2019.

Tutte le modifiche vengono segnalate con i caratteri bold e corsivo e, quindi, nella colonna di sinistra e di centro le parti sostituite sono riportate con carattere barrato e le parti modificate e/o introdotte dal decreto-legge 18 aprile 2019, n. 32 sono riportate in bold mentre nella colonna di destra le parti modificate e/o introdotte dal decreto-legge 18 aprile 2019, n. 32 o dalla legge 14 giugno 2019, n. 55 di conversione del D.L. n. 32/2019 sono riportate in bold.

Il testo di sinistra è quello in vigore sino al 18 aprile 2019, quello di centro è quello in vigore dal 19 aprile 2019 al 17 giugno 2019 mentre quello di destra è in vigore dal 18 giugno 2019 con la precisazione che:

  •  le modifiche introdotte dal decreto-legge 18 aprile 2019, n. 32 si applicano alle  procedure  i  cui  bandi  o  avvisi,  con  i  quali  si  indice  una  gara,  sono  pubblicati  successivamente  al 18 aprile 2019 ed antecedentemente al 18 giugno 2019, nonché, in caso di contratti senza pubblicazione di bandi o avvisi, alle procedure in cui, alla medesima data, non sono ancora stati inviati gli inviti a presentare le offerte;
  • le modifiche introdotte dalla legge 14 giugno 2019, n. 55 si applicano alle  procedure  i  cui  bandi  o  avvisi,  con  i  quali  si  indice  una  gara,  sono  pubblicati  successivamente  al 17 giugno 2019, nonché, in caso di contratti senza pubblicazione di bandi o avvisi, alle procedure in cui, alla medesima data, non sono ancora stati inviati gli inviti a presentare le offerte.

A cura di arch. Paolo Oreto

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa