Contabilizzazione del calore: partono le multe

26/09/2019

1.115 volte

Il 30 giugno 2017 è scaduto il termine, fissato dal decreto legge n. 244/2016, per l’installazione dei sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore negli edifici serviti da impianto termico centralizzato. Per i proprietari di immobili e condomìni che non si fossero adeguati, una multa da 500 a 2500 euro.

Oggi, ad oltre due anni da questa scadenza, sembra che qualcosa si stia muovendo. A fine 2017, QUNDIS aveva dichiarato come – secondo analisi interne, supportate dai dati ISTAT – ci fossero ancora molti appartamenti da adeguare alla norma. Ad oggi questi dati sembrano rimasti quasi invariati, ciò che sta cambiando è che le ispezioni sulla contabilizzazione hanno effettivamente preso il via.

Avendo concesso il tempo necessario per l’adeguamento, come richiesto dalla norma, saranno attivate le procedure di verifica in merito agli obblighi previsti. Le Regioni hanno iniziato ad organizzarsi con i registri ed ogni realtà si sta attrezzando in maniera differente, seppur col comune obiettivo di far rispettare la normativa. L’Emilia-Romagna e la Toscana hanno centralizzato queste attività, mentre le altre Regioni hanno demandato i controlli ai Comuni con oltre 40.000 abitanti ed i municipi più piccoli saranno gestiti dalle città metropolitane.

Ma i numeri dicono che ognuno a suo modo è pronto ad agire: 45 ispettori nel Comune di Milano, 30 in Toscana, 150 in Emilia Romagna, mentre Torino e città metropolitana hanno già iniziato ad operare attraverso gli ispettori Arpa, Genova ha censito 6.000 stabili da controllare nel corso dei prossimi 4 anni, la provincia di Treviso ha iniziato accertamenti severi e le cose si stanno muovendo anche in altre regioni.

Molte delle verifiche programmate per il rispetto della normativa, partiranno proprio a giorni, dopo il periodo estivo. E’ il momento opportuno, quindi, per chi ancora non l’abbia fatto per pianificare i lavori per l’adeguamento a norma degli edifici coinvolti dalla normativa, approfittando dell’autunno in cui si può operare agevolmente grazie al fatto che i radiatori non sono ancora in funzione.

È, però, essenziale richiedere l’immediata convocazione dell’assemblea di condominio così da iniziare a stabilire a quale professionista dare l’incarico e contattare la società che dovrà poi installare le valvole termostatiche. Anche perché, come abbiamo già cercato di ribadire in passato, in caso di mancata delibera da parte dell’assemblea di condominio, saranno i singoli proprietari degli immobili a dover pagare le imminenti multe.

A cura di Antonello Guzzetti
Country Manager di Qundis in Italia

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa