Utilizzo del contante: nuovo tetto a 1.000 euro

18/10/2019

1.041 volte

Con l'approvazione da parte del Consiglio dei Ministri n. 9 del 15 ottobre 2019 del decreto-legge che introduce disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze indifferibili, l'Italia torna al 2011 in quanto a tetto per l'utilizzo del contante.

Tra le misure previste, in cui risulta chiara l'intenzione del Governo di inasprire la lotta all'evasione fiscale, l'art. 19 prevede una modifica all'articolo 49 (Limitazioni all'uso del contante e dei titoli al portatore), commi 1 e 3, del decreto legislativo 21 novembre 2007 n. 231 (Attuazione della direttiva 2005/60/CE concernente la prevenzione dell'utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo nonché della direttiva 2006/70/CE che ne reca misure di esecuzione), con la sostituzione delle parole “3.000 euro” con “1.000 euro”.

Ricordiamo che la storia del tetto all'utilizzo del contante inizia in Italia nel 1991 quando l'allora Governo Andreotti ha previsto un limite a 20.000.000 di lire (10.329,14 euro). Tetto che nei successivi 28 anni è stato modificato 7 volte:

Tetto all'utilizzo del contante
Anno Norma Governo
Euro
Lira
1991 D.L. n. 143/1991 Andreotti
10.329,14
20.000.000,00
2002 D.M. 17/10/2002 Berlusconi
12.500,00
 
2007 D.Lgs. N. 231/2007 Prodi
5.000,00
 
2008 D.L. n. 112/200/ Berlusconi
12.500,00
 
2010 D.L. n. 78/2010 Berlusconi
5.000,00
 
2011 D.L. n. 138/2011 Berlusconi
2.500,00
 
2011 D.L. n. 201/2001 Monti
1.000,00
 
2016 Legge n. 208/2015 Renzi
3.000,00
 

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa