Dissesto idrogeologico, Marsilio (Regione Abruzzo): 'Modificare le procedure per fronteggiare tempestivamente eventi calamitosi'

29/11/2019

898 volte

Modificare le regole procedurali previste dalla delibera CIPE n.26/2018, al fine di reimpiegare  tempestivamente le economie di gara per fronteggiare tempestivamente gli eventi calamitosi”. Questa la richiesta del Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, posta in discussione a Roma al tavolo della Conferenza delle Regioni.

La Regione Abruzzo, gravemente colpita dalle ultime mareggiate che hanno devastato l’intera costa nei giorni 12 e 13 del novembre scorso - spiega Marsilio nella lettera inviata al Presidente della Conferenza, Stafano Bonaccini - dispone di economie di gara risultanti da interventi finanziati ex FSC 2014-2020, il cui utilizzo, anche in misura parziale, potrebbe essere destinato proprio per fronteggiare il gravissimo dissesto idrogeologico e garantire quelle funzioni pubbliche che, per loro stessa natura, vanno adempiute senza indugio in presenza delle necessarie risorse finanziarie ed il cui utilizzo va assicurato prontamente".

Secondo il Presidente della Regine Abruzzo "Si manifesta, dunque, la necessità di promuovere ogni utile iniziativa per addivenire urgentemente alla modifica del punto 2.2 del deliberato CIPE n.26/2018, attraverso una nuova regola che consenta alle Regioni l’utilizzo immediato delle economie accertate, derivanti soprattutto dai ribassi di gara degli interventi ex FSC 2014-2020, al fine di fronteggiare il grave dissesto idrogeologico che, evidentemente, non può attendere una eccessiva burocratizzazione delle procedure, ossia l’obbligo di attendere il 90% di avanzamento dei lavori delle opere dalle quali derivano i risparmi".

"Questa previsione correttiva - conclude Marsilio - non solo appare oggi irrinunciabile per le condizioni in cui versa il nostro territorio, ma avrebbe anche il merito di accelerare fortemente lo stato procedurale degli interventi ex FSC 2014-2020, condizionati nella realizzazione al rispetto di regole rigide e generaliste non supportate da un’adeguata ratio giustificatrice".

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa