Sicurezza nazionale cibernetica: in Gazzetta la legge di conversione del D.L. n. 105/2019

22/11/2019

10.369 volte
Sicurezza nazionale cibernetica: in Gazzetta la legge di conversione del D.L. n. 105/2019

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 272 del 20 novembre 2019 la Legge 18 novembre 2019, n. 133 recante "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 21 settembre 2019, n. 105, recante disposizioni urgenti in materia di perimetro di sicurezza nazionale cibernetica".

Il decreto legge, che entra ufficialmente in vigore il 22 novembre 2019, ha l'obiettivo di assicurare un livello elevato di sicurezza delle reti, dei sistemi informativi e dei servizi informatici delle amministrazioni pubbliche, degli enti e degli operatori pubblici e privati aventi una sede nel territorio nazionale , da cui dipende l'esercizio di una funzione essenziale dello Stato, ovvero la prestazione di un servizio essenziale per il mantenimento di attività civili, sociali o economiche fondamentali per gli interessi dello Stato e dal cui malfunzionamento, interruzione, anche parziali, ovvero utilizzo improprio, possa derivare un pregiudizio per la sicurezza nazionale, è istituito il perimetro di sicurezza nazionale cibernetica.

La nuova versione del decreto legge post conversione in legge è composta dai seguenti articoli:

  • Art. 1 - Perimetro di sicurezza nazionale cibernetica
  • Art. 2 - Personale per esigenze di funzionamento del CVCN e della Presidenza del Consiglio dei ministri
  • Art. 3 - Disposizioni in materia di reti di telecomunicazione elettronica a banda larga con tecnologia 5G
  • Art. 4 - (Soppresso).
  • Art. 4-bis - Modifiche alla disciplina dei poteri speciali nei settori di rilevanza strategica
  • Art. 5  Determinazioni del Presidente del Consiglio dei ministri in caso di crisi di natura cibernetica
  • Art. 6 - Copertura finanziaria
  • Art. 7 - Entrata in vigore

Scadenze

Entro il 22 marzo 2020, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, adottato su proposta del Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica (CISR) sono individuati le amministrazioni pubbliche, gli enti e gli operatori pubblici e privati aventi una sede nel territorio nazionale, inclusi nel perimetro di sicurezza nazionale cibernetica.

Entro il 22 settembre 2020, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, che disciplina altresì i relativi termini e modalità attuative, adottato su proposta del CISR:

  • sono definite le procedure secondo cui i soggetti notificano gli incidenti aventi impatto su reti, sistemi informativi e servizi informatici al Gruppo di intervento per la sicurezza informatica in caso di incidente (CSIRT) italiano, che inoltra tali notifiche, tempestivamente, al Dipartimento delle informazioni per la sicurezza anche per le attività demandate al Nucleo per la sicurezza cibernetica;
  • sono stabilite misure volte a garantire elevati livelli di sicurezza delle reti, dei sistemi informativi e dei servizi informatici, tenendo conto degli standard definiti a livello internazionale e dell'Unione europea, relative:
  • alla struttura organizzativa preposta alla gestione della sicurezza;
  • alle politiche di sicurezza e alla gestione del rischio;
  • alla mitigazione e gestione degli incidenti e alla loro prevenzione, anche attraverso interventi su apparati o prodotti che risultino gravemente inadeguati sul piano della sicurezza;
  • alla protezione fisica e logica e dei dati;
  • all'integrità delle reti e dei sistemi informativi;
  • alla gestione operativa, ivi compresa la continuità del servizio;
  • al monitoraggio, test e controllo;
  • alla formazione e consapevolezza;
  • all'affidamento di forniture di beni, sistemi e servizi di information and communication technology (ICT), anche mediante definizione di caratteristiche e requisiti di carattere generale, di standard e di eventuali limiti.

Con regolamento, adottato entro il 22 settembre 2020, sono disciplinati le procedure, le modalità e i termini con cui:

  • i soggetti ovvero le centrali di committenza alle quali essi fanno ricorso, che intendano procedere all'affidamento di forniture di beni, sistemi e servizi ICT destinati a essere impiegati sulle reti, sui sistemi informativi e per l'espletamento dei servizi informatici, appartenenti a categorie individuate, sulla base di criteri di natura tecnica, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da adottare sempre entro il 22 settembre 2020, ne danno comunicazione al Centro di valutazione e certificazione nazionale (CVCN), istituito presso il Ministero dello sviluppo economico;
  • i soggetti individuati quali fornitori di beni, sistemi e servizi destinati alle reti, ai sistemi informativi e ai servizi informatici, assicurano al CVCN e, limitatamente agli ambiti di specifica competenza, ai Centri di valutazione operanti presso i Ministeri dell'interno e della difesa, la propria collaborazione per l'effettuazione delle attività di test, sostenendone gli oneri.

Nuove assunzioni a tempo indeterminato

Per svolgere le attività previste per il funzionamento del CVCN, il Ministero dello Sviluppo Economico è autorizzato ad assumere a tempo indeterminato, con incremento della vigente dotazione organica nel limite delle unità eccedenti, in aggiunta alle ordinarie facoltà assunzionali, un contingente massimo di settantasette unità di personale, di cui sessantasette di area terza e dieci di area seconda, nel limite di spesa di euro 3.005.000 annui a decorrere dall'anno 2020.

Per lo svolgimento delle funzioni in materia di digitalizzazione, la Presidenza del Consiglio dei ministri è autorizzata ad assumere con contratti di lavoro a tempo indeterminato, in aggiunta alle ordinarie facoltà assunzionali e con corrispondente incremento della dotazione organica, un contingente massimo di dieci unità di personale non dirigenziale, da inquadrare nella categoria funzionale A, parametro retributivo F1, nel limite di spesa di euro 640.000 annui a decorrere dall'anno 2020.

Il reclutamento del personale avverrà mediante uno o più concorsi pubblici.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa