Dissesto idrogeologico: in Gazzetta il DPCM con 361 milioni di euro per 236 interventi

20/01/2020

3.107 volte
Dissesto idrogeologico: in Gazzetta il DPCM con 361 milioni di euro per 236 interventi

Sulla Gazzetta ufficiale n. 14 del 18 gennaio 2020 è stato pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 2 dicembre 2019 recante “Piano operativo per il dissesto idrogeologico per il 2019”. Disponibili 361 milioni di euro per 236 interventi sul territorio nazionale, volti a contrastare il fenomeno del dissesto idrogeologico.

Si tratta di risorse ulteriori e immediatamente disponibili per la messa in sicurezza idrogeologica e per progetti immediatamente cantierabili. - spiega il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa – Non lavoriamo sulla logica dell’emergenza, ma con una programmazione costante e interventi specifici per attenuare i rischi e le criticità sull’intero territorio nazionale”.

L’impegno finanziario complessivo del Piano, che ammonta ad euro 361.896.975 trova la necessaria copertura nelle risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014-2020 deliberate dal CIPE a favore del Piano Operativo “Ambiente”. I fondi verranno erogati in via diretta, senza la stipula di successivi accordi di programma, come previsto dalla delibera CIPE n.64 (adottata l’1/08/2019).

Gli interventi vanno dalla sistemazione di versanti franosi, al consolidamento e alla difesa idraulica, al ripascimento e difesa delle aree costiere, alla messa in sicurezza di abitati.

I fondi odierni, destinati a ulteriori progetti cantierabili, vanno ad aggiungersi ai finanziamenti già erogati alle regioni attraverso il Piano stralcio sul dissesto idrogeologico.

Bisogna mettere in sicurezza il Paese e i fondi ci sono, sono opere di estrema urgenza e indifferibilità. Il disegno di legge Cantiere Ambiente, incardinato al Senato, deve avere un iter celere – ha aggiunto Costa - La messa in sicurezza preventiva costituisce il migliore strumento per la salvaguardia delle vite umane e del territorio”.

Di seguito, un riepilogo degli interventi e gli importi su base regionale.

Le maggiori risorse vanno alla Regione siciliana che con 56.867.588 euro assorbe quasi il 16% dei fondi stanziati, soltanto per 3 interventi nella provincia di Catania e precisamente il “Completamento collettore pluviale B” a Catania , il “Completamento del 1° Lotto della rete fognante del centro abitato- stralcio rete acque bianche” a San Giovanni La Punta ed il “Progetto dei lavori per la rete fognante - 1° stralcio rete acque bianche” a Trecastagni.

Qui il dettaglio degli interventi.

Ricodiamo che il DPCM costituito da 5 articoli contiene, anche, i seguenti allegati:

  • Allegato A - Tabella di sintesi
  • Allegato B - Elenco interventi proposti afferenti alla linea di finanziamento "Interventi per la riduzione del rischio idrogeologico e dell'erosione costiera".

In allegato il DPCM 2 dicembre 2019 pubblicato sulla Gazzetta ufficiale.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa