Norme Tecniche Costruzioni (NTC): il punto della situazione

Il 14 novembre 2014, dopo un processo di revisione lungo e burrascoso, il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (CSLP) ha approvato la bozza delle nuove No...

30/11/2015
© Riproduzione riservata
Norme Tecniche Costruzioni (NTC): il punto della situazione
Il 14 novembre 2014, dopo un processo di revisione lungo e burrascoso, il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (CSLP) ha approvato la bozza delle nuove Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC) che dovranno sostituire quelle attualmente in vigore.

Da questa data è partito un toto data di chi dava le norme in pubblicazione i primi di gennaio del 2015 (come da nome del precedente decreto, D.M. 14 gennaio 2008), chi i primi di febbraio sempre del 2015 (come da Gazzetta del precedente decreto, G.U. 4 febbraio 2008, n. 29 - S.O. n. 30). Certamente erano in pochi a pensare che arrivati al mese di novembre (quasi dicembre), del processo di approvazione delle nuove norme tecniche non ne parli più nessuno.

Dopo l'approvazione della bozza da parte del CSLP, avremmo dovuto registrare prima i pareri del Dipartimento della Protezione Civile e del Ministero dell'Interno, e, infine, l'OK della Conferenza Unificata.
Benché sembrerebbe che i primi due siano arrivati (ma il condizionale è ormai d'obbligo), fonti molto autorevoli ci hanno informato che la Conferenza Unificata non è ancora stata convocata. Ricordando che per il D.M. 14 gennaio 2008 l'OK della Conferenza Unificata arrivò dopo 5 mesi da quello del CSLP, risulta essere abbastanza strano che, a distanza di oltre 12 mesi, la stessa non sia neanche cominciata.

Sembrerebbe, quasi, che non ci sia più alcun interesse a portare avanti la questione. Appare utile ricordare che, mentre le NTC del 2008 hanno raggruppato per la prima volta in un unico testo i criteri di verifica della sicurezza per tutte le tecnologie costruttive (stabilità dei terreni, muratura, cemento armato, legno, acciaio) unificando criteri di valutazione, livelli di sicurezza, modalità di progettazione, certificazione dei materiali, collaudi, norme per gli edifici esistenti, oltre ad aver previsto l'obbligatorietà delle verifica sismica per tutto il territorio nazionale e l'obbligo dei calcoli strutturali col metodo agli Stati Limite, basato sugli Eurocodici, le nuove dovrebbero rappresentare solo un aggiornamento e, proprio per questo, nessuno si sarebbe mai potuto immaginare un simile situazione di stallo.

Alleghiamo la bozza del CSLP e rimandiamo a successivi articoli il servizio di aggiornamento sulle nuove NTC.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it
     

Documenti Allegati