Iniezioni colonnari

NASCE UN SISTEMA INNOVATIVO NOVATEK PER IL CONSOLIDAMENTO DEI FABBRICATI.

Iniezioni colonnari con resine espandenti, realizzate in terreno precompattato, mediante dilatazione idraulica radiale.
(Brevetto Internazionale Depositato)

Le iniezioni di ultima generazione.
Fino ad ora lo stato della tecnica di consolidamento con resine espandenti prevedeva l’esecuzione di iniezioni sotto le fondazioni dei fabbricati. Queste iniezioni, a rapida o lenta espansione, erano eseguite a libera diffusione direttamente nel terreno: sia appena sotto il piano fondale che più in profondità.
Il costante impegno di Novatek nella ricerca di soluzioni sempre più efficaci ha portato alla realizzazione di un metodo all’avanguardia che garantisce il consolidamento del terreno in modo uniforme fino in profondità al di sotto del piano fondale, permette di confinare le iniezioni di resina espandente ed evita inutili quanto dannose dispersioni in zone limitrofe.

Questo sistema prevede l’esecuzione di iniezioni colonnari di resina espandente realizzate in terreno precompattato mediante dilatazione idraulica radiale.

IL PROCEDIMENTO

Fasi esecutive:

esecuzione di un foro passante attraverso la fondazione;
realizzazione di un preforo sottostante alla fondazione senza asportazione di terreno mediante aste giuntabili e punte a perdere. La profondità del foro viene determinata in fase esecutiva sulla base della resistenza dinamica riscontrata;
compattazione del terreno che circonda il foro mediante allargamento della sezione trasversale secondo direzioni radiali uscenti rispetto all’asse di sviluppo da eseguirsi mediante idoneo dilatatore idraulico;
inserimento di un tappo nella fondazione e successiva iniezione di resina espandente per riempire il foro precompattato fino alla realizzazione della struttura colonnare definente il palo in resina con un contestuale sollevamento della struttura soprastante di uno o più millimetri.

Finalità del procedimento:

consolidamento ed incremento di portanza del terreno sottostante le fondazioni, in modo verticale ed uniforme fino in profondità;
trasferimento graduale del peso dell’edificio in strati di terreno più profondi;
riempimento di cavità, fessurazioni e microvuoti eventualmente presenti;
ripristino della superficie di contatto tra terreno e fondazioni;
sollevamento della struttura soprastante.







Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa