Nuovo Codice Appalti e Consip: aggiornati i bandi del Sistema dinamico

01/07/2016

678 volte

Il 13 giugno 2016 sono stati ripubblicati gli undici bandi istitutivi del Sistema dinamico, adeguando la documentazione al Decreto Legislativo 18 aprile 2016, n. 50 che, recependo la Direttiva 2014/24/UE, ha modificato la disciplina relativa al Sistema dinamico di acquisizione, qualificando questo strumento come procedura ristretta e non più aperta, come nella precedente normativa.

I fornitori ammessi in base ai bandi precedentemente in vigore, mantengono inalterate le proprie abilitazioni e non devono presentare nuovamente la domanda di ammissione.

Le Pubbliche Amministrazioni, dal 19 aprile, non possono più pubblicare bandi semplificati secondo il “vecchio” Codice degli appalti (D.lgs. 163/2006), ma possono comunque procedere alla conclusione delle procedure relative ai bandi semplificati già pubblicati.

Per indire nuovi Appalti specifici ai sensi del D.lgs. 50/2016, le Amministrazioni dovranno, invece, attendere almeno 30 giorni, decorrenti dalla data d’invio del Bando per la pubblicazione alla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Ma quali sono le principali novità contenute nell’art. 55 del D.lgs. 50/2016?

Innanzitutto, è stata eliminata la fase del bando semplificato, con il conseguente venir meno dei costi di pubblicazione: all’avvio di un Appalto specifico (AS) parte direttamente il confronto concorrenziale con l’inoltro dell’invito. Come conseguenza dell’eliminazione del bando semplificato, non è più prevista la “manifestazione d’interesse” da parte delle imprese.

Inoltre, una volta indetto un appalto specifico, saranno invitati automaticamente tutti gli operatori economici che, alla data d’invio della lettera d’invito, avranno conseguito l’ammissione per le categorie merceologiche oggetto dell’appalto. I fornitori che, pur avendo inoltrato domanda, non avranno conseguito l’ammissione entro la data/ora di avvio della gara, non saranno invitati e, quindi, non potranno partecipare allo specifico appalto. Tali fornitori, una volta ammessi, saranno invitati agli appalti specifici indetti successivamente alla data/ora in cui hanno conseguito l’ammissione.

Tutte le informazioni di dettaglio sono contenute nella documentazione dei singoli Bandi istitutivi.



© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa