Rigenerare la città, per una nuova alleanza tra pubblico e privato

21/06/2017

683 volte

Venerdì 23 giugno dalle 8.30 alla Casa dell’Architettura (Piazza Manfredo Fanti, 47 Roma) si terrà il convegno “Rigenerare la città per una nuova alleanza tra pubblico e privato”. L’incontro è organizzato dall’Ordine degli Architetti di Roma, dal Dipartimento Rigenerazione urbana dell’OAR, in collaborazione con l’Ordine degli Avvocati di Roma e della Camera degli Avvocati Amministrativisti.

Da tempo gli urbanisti teorizzano la crisi del “mito del piano”, concepito come sola espressione dell’Amministrazione autoritativa, rispetto alle opportunità suggerite dalla ‘concertazione’, attraverso l’introduzione di istituti compensativi nell’ottica della flessibilità tra interesse pubblico e privato alla rigenerazione del suolo.

Non a caso si fa sempre più strada un nuovo concetto di pianificazione e dell’uso dei suoli fondata su piani dinamici e partecipati i cui contenuti possono essere integrati dall’apporto, legato al ‘saper fare’ degli imprenditori, ed improntati ad un’ottica di reciproca convenienza in cui, alla fattibilità economico e finanziaria, si affianca la fattibilità sociale e procedurale delle trasformazioni. Emerge, dunque, un’idea di urbanistica integrata nella quale cittadini e privati hanno un ruolo centrale e decisivo, orientato su linee direttrici ben definite, quale lo sviluppo sostenibile, la cultura, i trasporti, gli spazi comuni e, su tutte, la rigenerazione.

In questo senso, la pianificazione deve favorire la proposizione di progetti e attività diretti ad incentivare l'emersione dei valori socio-ambientali smarriti o compromessi, nell'ottica di una rigenerazione dei tessuti urbani. Obiettivo dell’incontro è stimolare, anche alla luce dell’esperienza romana e di altri contesti metropolitani, una riflessione sui contenuti della concertazione tra soggetti pubblici e privati tesa ad identificare un diverso modello di scelta urbanistica flessibile. La finalità dell’incontro è quella di comprendere come poter rigenerare l’esistente componendo in un’ottica concertata e partecipata le mutevoli istanze di pianificazione urbanistica di Roma, dall’area archeologica centrale fino al sistema metropolitano di area vasta.

"Emerge la necessità in particolare per la città di Roma – dichiara il presidente dell’Ordine degli Architetti di Roma Alessandro Ridolfi - di pensare in maniera complessiva ed integrata il suo sviluppo sostenibile a breve e lungo termine, a partire dal tema della rigenerazione urbana. È questo il motivo per cui l'Ordine organizza e promuove incontri e dibattiti finalizzati al dialogo e al confronto per affrontare le grandi sfide che attendono la città con un approccio complessivo e con la necessaria sinergia tra pubblico e privato".

Apriranno i lavori, portando i saluti, Alessandro Ridolfi, Presidente Ordine Architetti di Roma e Antonino Galletti Tesoriere Ordine Avvocati di Roma.

Introdurranno Eliana Cangelli vicepresidente Ordine Architetti di Roma e Nicola Sabato Avvocatura Roma Capitale. Modererà Luigi D’Ottavi, Avvocatura Roma Capitale. Interverranno: Alberto Zito, Presidenza Consiglio dei Ministri Scuola Superiore della PA, Laura Ricci, Sapienza Università di Roma, Edoardo Bianchi ANCE, Giovanni D’Onofrio, CdP Investimenti Sgr, Carlo De Vito, FS Sistemi Urbani, Vittorio Rapisarda, Provveditorato OO PP Abruzzo, Lazio, Sardegna,

Francesco Caringella, Consiglio di Stato, Ugo De Luca, Camera degli Avvocati Amministrativisti, Simone Ombuen, Ordine Architetti di Roma.

Sono stati invitati a partecipare Michele Civita Assessore alla Politiche del Territorio della Regione Lazio e Luca Montuori Assessore all’Urbanistica del Comune di Roma. Nel corso del Convegno sarà presentato il Manuale dell’Edilizia e dell’Urbanistica, a cura di F. Caringella e U. De Luca Dike Giuridica Editrice 2017.

La partecipazione all’incontro riconosce 4 crediti formativi agli iscritti.



© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa