La Commissione europea rialza le stime di crescita 2018 dell’Italia

12/02/2018

756 volte

La Commissione europea rinnova la fiducia sullo "stato di salute" della situazione economica dell'Italia e per il 2018 rivede al rialzo la stima di crescita del prodotto interno lordo (PIL) portandola dall'1,2% all’1,5%. Lo stesso livello previsto dal governo nella Nota di Aggiornamento al DEF del settembre dello scorso anno. Le nuove stime della Commissione, spiega il documento diffuso oggi a Bruxelles, sono basate sul presupposto che non intervengano cambiamenti nella politica economica italiana e che si continui ad implementare le riforme volte a favorire la crescita e a perseguire politiche di bilancio prudenti. A partire da questo numero la Commissione, in linea con la pratica seguita dalle altre istituzioni internazionali, ha deciso di aggiornare nelle previsioni d'inverno (cosiddette "intermedie") formulate per tutti i Paesi dell’Unione, le stime sul PIL e sull’inflazione, mentre le previsioni "complete", con i dati anche sul deficit e il debito, saranno quelle pubblicate in primavera e in autunno.

Per il 2017 le previsioni d’inverno della Commissione confermano una crescita all'1,5%, trainata da fattori ciclici e dal rafforzamento della domanda, supportato dall'aumento dell'occupazione e dalla fiducia dei consumatori. Inoltre nel 2017 si è avuto un aumento degli investimenti sostenuto da condizioni finanziarie favorevoli e da agevolazioni fiscali. Nel 2018 la crescita del PIL è prevista mantenersi all'1,5%, anche se verranno gradualmente meno gli effetti delle politiche di stimolo. La Commissione riconosce che la ripresa italiana è orientata a diventare sempre più "auto-sostenuta", quindi strutturale, se continuerà il percorso riformatore avviato negli ultimi anni, e valuta che nell'anno in corso essa sarà guidata dalle esportazioni e dagli investimenti. Anche i consumi privati daranno il loro contributo alla crescita economica, ad un ritmo moderato ma stabile, sostenuti da aumenti salariali sia nel settore pubblico che privato e dalla crescita occupazionale.



© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa