Per l’Osce l’Autorità anticorruzione è una best practice europea

21/02/2019

881 volte

L’esperienza dell’Italia nella prevenzione della corruzione viene riconosciuta come best practice europea. Un modello da prendere a riferimento, al punto da dedicarvi una apposita conferenza internazionale organizzata in Macedonia del Nord dalla missione Osce, l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa. “Institutional reforms for fight against corruption, best practices towards European model - The Italian example” il titolo del convegno che si terrà a Skopje il 22 febbraio.
A spiegare i vari aspetti di cui si compone il modello italiano sarà il Presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone. Ad accompagnarlo, per l’occasione, il comandante del Nucleo speciale anticorruzione della Guardia di Finanza, gen. Gaetano Scazzeri, il cui intervento si soffermerà sul raccordo operativo esistente con l’Anac e le tecniche investigative impiegate in Italia. Tutti elementi di grande utilità per una nazione, come la  Repubblica balcanica , che ha da poco approvato una apposita legge sulla prevenzione della corruzione e il conflitto di interessi.
La missione dell’Anac sarà anche l’occasione per una serie di incontri bilaterali ai più alti livelli col Primo ministro Zoran Zaev, il Ministro della Giustizia Renata Deskoska e il Presidente della Commissione macedone per la prevenzione della corruzione (DKSK), Biljana Ivanovska. 
La visita si pone nel contesto della consolidata attività anticorruzione del nostro paese nei Balcani Occidentali. Nel 2017 l’Italia ha infatti inserito proprio la lotta alla corruzione fra le priorità della sua presidenza del Processo di Berlino, l'iniziativa diplomatica per l'allargamento dell'Unione europea ai Paesi dei Balcani occidentali. Un tema cruciale al punto da essere poi ripreso l’anno successivo anche dalla presidenza della Gran Bretagna.
Sempre l’Italia, inoltre, ha posto questo aspetto fra gli argomenti centrali della presidenza Osce nel 2018, nominando un Rappresentante speciale del Ministro degli Esteri nella persona della professoressa Paola Severino.



© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa