L'Ordine degli Architetti di Roma traccia il bilancio dell’ultimo biennio

09/12/2019
1.436 volte

L’Ordine degli Architetti di Roma e provincia, guidato dal Presidente Flavio Mangione, traccia il bilancio di questi due anni di gestione e lo fa in occasione di un convegno dal titolo “Due Anni di Ordine. Focus sull'attività svolta”, oggi alla Casa dell’Architettura di Roma.

Protocolli d’intesa, azioni per la formazione, politiche per la professione, concorsi di progettazione, collaborazione con altri ordini, attività di comunicazione. poi, il grande successo del festival dell’architettura Spam – Dreamcity che ha visto più di 4500 visitatori e 120 ospiti di rilievo internazionale…. iniziative nel solco di un unico grande obiettivo: “rimettere al centro del dibattito cittadino e nell’agenda politica il progetto e la figura dell’architetto, mestiere in evoluzione continua e con molteplici declinazioni”. Attraverso la voce dei suoi consiglieri e delegati, vengono riportate oggi le attività svolte per gli iscritti e per la professione, condividendo scelte e risultati per aprire un confronto sulle criticità e punti di forza dell’azione intrapresa.

Tra le azioni illustrate, l’Ordine degli Architetti di Roma ha ideato e organizzato un programma di incontri con gli ordini professionali di sei regioni italiane, per coltivare il dialogo e costruire una piattaforma permanente di collaborazione sul territorio nazionale. Gli eventi realizzati hanno visto la partecipazione di istituzioni, ordini professionali, associazioni dei costruttori, rappresentanti del mondo della progettazione. Ad oggi si è concluso il “tour” del Mezzogiorno: dopo Calabria, Puglia, Basilicata, Sicilia, Campania e Sardegna il ciclo proseguirà, nel 2020, con le regioni del Centro e del Nord Italia. In calendario ci sono gli incontri con Abruzzo e Molise, a Frosinone; Umbria e Marche, a Rieti; Toscana, a Viterbo; mentre gli altri appuntamenti si svolgeranno a Roma, alla Casa dell’Architettura.

Inoltre sono sette i protocolli d’intesa fino ad ora firmati, cinque le iniziative di indirizzo politico messe in campo, tre i concorsi di progettazione. Tra i più importanti il Protocollo di intesa tra Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti, Conservatori (CNAPPC) e gli Ordini professionali delle province di Frosinone, Latina, Rieti, Roma e Viterbo per promuovere i concorsi di progettazione (luglio 2019) e quello con il tra Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI) e il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC) (dicembre 2018). E ancora: i concorsi del II Municipio per Piazzale del Verano e Viale della XVII Olimpiade (maggio 2019) e il Concorso Internazionale di Riqualificazione dell’area “Parco del Foro Italico” (ottobre 2019); l’Appello al già Ministro ai Beni e le Attività Culturali  Alberto Bonisoli per il progetto dell’ampliamento di Palazzo dei Diamanti (gennaio 2019).

Servizi e azioni per gli iscritti, politiche per la professione, collaborazione con la PA, iniziative che aprono la Casa dell’Architettura alla città, attività volte all’internazionalizzazione e rapporti con le Università. L’impegno di Oar si è concentrato inoltre negli ultimi due anni sulla qualità della formazione, come occasione di crescita e confronto dialettico anche con il mercato e le istituzioni, attraverso una piattaforma integrata che mette e a sistemi percorsi dedicati, in linea con le aspettative degli iscritti, le novità del settore, le occasioni professionali.

© Riproduzione riservata