PNRR e rigenerazione urbana: occasione storica per il rilancio del Paese

17/03/2021
1.190 volte

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) che il nostro Paese, così come gli altri Stati dell’Unione Europea, deve presentare entro il 30 aprile prossimo, rappresenta un’opportunità incredibile per una reale, seria e coordinata rigenerazione urbana”.

Queste le parole del VicePresidente di campaniArchitetti, arch. Antonio Sassone.

Siamo davanti ad un’occasione storica - continua l'architetto Sassone - per affrontare le problematiche che frenano lo sviluppo organico delle città: la questione delle richieste in sanatoria (molte risalenti addirittura al primo dispositivo legislativo in materia del 1984), il recupero delle aree e degli edifici dismessi, da inserire in progettualità dinamiche e funzionali (come ad esempio, l’housing sociale, avvalendosi anche di mirati partenariati pubblico-privato), la manutenzione dell’edilizia scolastica, la mobilità sostenibile. L'idea è di ripensare ai concetti di città, di aree metropolitane, in un’ottica non più circoscritta, ma articolata su uno specchio ad ampio raggio, con un coordinamento tra i vari livelli di pianificazione, gestito da una regia nazionale per ottimizzare le varie fasi dell’iter procedurale”.

Se, inoltre, si considera che, oltre al progetto Next Generation EU, vi sono anche gli 8,5 miliardi di euro del dpcm del 21 gennaio di quest’anno - conclude il VicePresidente di campaniArchitetti - allora si comprende ancora di più come non sia visionaria la creazione di percorsi virtuosi di crescita e valorizzazione dei territori. Tutto quanto evidenziato potrà essere pienamente attuato solo se si procede ad un’implementazione mirata delle strutture tecniche, per garantire un’adeguata copertura di personale impegnato nell’ambizioso progetto, ad una piena, leale, fattiva collaborazione tra gli attori dei processi, dalle strutture centrali alle periferiche ed alla predisposizione di piattaforme per modalità concorsuali dove la qualità progettuale si sposi, per forma e contenuto, con la risoluzione concreta dei problemi reali dei cittadini. Sebbene i tempi siano stretti, con una ferrea volontà ed uno sforzo comune è possibile riuscire nell’edificante obiettivo di rivitalizzare il sistema Italia”.

© Riproduzione riservata