Giacomo Serpotta e la sua scuola

Giuseppina Favara - Eliana Mauro

Prezzo: € 100.00
Prezzo LavoriPubblici.it: € 85.00
Sconto: 15%
Prezzo: € 100.00
Prezzo LavoriPubblici.it: € 85.00
Sconto: 15%
Quantità AGGIUNGI AL CARRELLO

SPESSO LO ACQUISTANO CON

Giacomo Serpotta e la sua scuola 100.00 €
Modelli grafici dell'architettura e del territorio 32.00 €
Free Hand Design 27.90 €

Totale:

Acquistandoli insieme risparmierai

AGGIUNGI AL CARRELLO

DESCRIZIONE

Il nome di Giacomo Serpotta (Palermo 1656-1732), artista "dal gusto insieme raffinato e popolaresco", evoca, da più di un secolo, la perfezione nell'arte plastica dello stucco.
Da quando, nel 1911, Ernesto Basile ne traccia il profilo critico e lo pubblica, in accompagnamento a preziose tavole fotografiche in bianco e nero curate dal pittore Rocco Lentini, le sue opere sono oggetto di un sempre più crescente interesse. Persino il Circolo artistico di Palermo ne riproduce in stucco i famosi putti e li colloca, quasi come emergessero dalle pareti, nel proprio Salone delle Feste nell'antica sede di Palazzo Larderia.

I laboratori artistici delle sue realizzazioni hanno dato vita ad opere che, per raffinata esecuzione, perfezione, leggiadria o passione delle fisionomie, per perfetta evocazione di allegorie, ma anche per originalità compositiva, hanno portato la critica a considerarlo uno degli interpreti più raffinati della società dell'epoca.

"Serpotta ha il gusto del personaggio - esordisce Giulio Carlo Argan - L'immagine eroica personifica un concetto, ha la dignità e la gravità dell'esempio storico, il gesto dimostrativo e il ritmo largo e solenne della grande oratoria sacra: i personaggi del Serpotta, come gli attori del teatro, non hanno esistenza fuor della prospettiva e della luce della scena, del gesto che accennano, della frase che silenziosamente pronunciano, del costume che indossano, della parte che recitano".

Nel percorrere le vie isolane dell'attività di Giacomo Serpotta, degli ascendenti e dei discendenti della sua pratica artistica, oltre che dei suoi collaboratori, in questi itinerari dei beni culturali sotto forma di ragionamenti (nella prima parte, costituita da saggi che riguardano la sua opera da diversi punti di vista e, anche, dagli spalti dell'Europa) e, poi, sotto forma di schede monografiche raccolte in itinerari tematici, le numerose immagini che accompagnano tutti i testi vogliono documentare la molteplicità delle forme, naturali, umane e anche fantastiche, che popolano tutte le opere esaminate.

Più che come sommario delle attività serpottiane, il volume si propone, pertanto, come uno strumento di riflessione su questa produzione d'età barocca e tardobarocca, rivisitata con valore estetico contemporaneo e dove lo spazio e il tempo concorrono a produrre l'opera d'arte.

Giuseppina Favara, architetto, è Dirigente Superiore dell'Assessorato Beni Culturali ed Ambientali e Pubblica Istruzione della Regione Siciliana, ha rivestito gli incarichi di Direttore del Centro Regionale Progettazione e Restauro; Direttore del Servizio Paesistico Architettonico ed Urbanistico della Soprintendenza di Palermo; Direttore del Servizio Ispettivo e, poi, del Servizio Tutela del Dipartimento BB.CC.AA. Dal 2005 è Direttore del Museo Archeologico Regionale "A. Salinas".

Eliana Mauro, architetto, è Dirigente Storico dell'Architettura presso l'Assessorato Beni Culturali ed Ambientali e Pubblica Istruzione della Regione Siciliana. Ha rivestito gli incarichi di Referente per la città di Palermo presso la Soprintendenza BB.CC.AA. e, presso gli Uffici Centrali dell'Assessorato, di Ispettore dei Beni Culturali, occupandosi poi, come responsabile di settore, del finanziamento delle attività culturali e dei progetti POR Sicilia; oggi è a capo dell'Ufficio Museografico della Galleria Regionale di Palazzo Abatellis di Palermo.

CHI HA ACQUISTATO QUESTO HA COMPRATO ANCHE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa