La vulnerabilità degli elementi non strutturali

Giovanna Francesca Rettore

Prezzo: € 25.00
Prezzo LavoriPubblici.it: € 23.75
Sconto: 5%
Prezzo: € 25.00
Prezzo LavoriPubblici.it: € 23.75
Sconto: 5%
Quantità AGGIUNGI AL CARRELLO

SPESSO LO ACQUISTANO CON

La vulnerabilità degli elementi non strutturali 25.00 €
Unioni aste in legno 35.00 €
Calcoli pratici per il consolidamento delle strutture in muratura 38.00 €

Totale:

Acquistandoli insieme risparmierai

AGGIUNGI AL CARRELLO

DESCRIZIONE

Effetti provocati da sisma, alluvioni e tornado - Strategie e soluzioni progettuali per la riduzione del rischio

Il cambiamento climatico e la limitata cultura della prevenzione sono le cause di una maggiore incidenza di calamità naturali, fenomeni di forte intensità e con un impatto violento, che condizionano lo stato del territorio, della popolazione, delle strutture e delle attività lavorative.

“La vulnerabilità degli elementi non strutturali” è un manuale tecnico che analizza gli effetti provocati da diverse calamità (come il sisma, l’alluvione o il tornado) sulle componenti non strutturali degli edifici allo scopo di fornire al progettista e agli operatori della sicurezza soluzioni da mettere in pratica per ridurre i rischi a persone, cose e strutture.

L’obiettivo dell’opera è di offrire un manuale di carattere pratico e operativo aggiornato allo stato dell’arte, tecnico e normativo.

Oltre a fornire un quadro normativo esauriente sugli elementi non strutturali e una panoramica esemplificativa degli stati di emergenza in caso di sisma, alluvione e trombe d’aria, il libro approfondisce, anche con l’ausilio di foto e immagini commentate, i diversi danni che eventi disastrosi possono causare agli elementi non strutturali degli edifici (murature perimetrali, partizioni interne, parapetti, camini e comignoli, arredi, impianti, controsoffitti, tubazioni, ecc.) al fine di proporre soluzioni progettuali specifiche ed efficaci per limitare perdite economiche e garantire la sicurezza delle persone all’interno degli edifici colpiti.

Completa l’opera una esauriente raccolta di schede di intervento dove, per ciascun elemento non strutturale, viene analizzato il tipo di danno che può subire e le migliori strategie di intervento.

Autore

Giovanna Francesca Rettore
Architetto, esperto nella riduzione della vulnerabilità delle strutture e degli elementi non strutturali nelle attività produttive, la sicurezza dei lavoratori e la loro formazione, prima, durante e dopo eventi naturali disastrosi. Docente, Formatore sulla sicurezza sismica presso Ordini, Università ed Associazioni di formazione professionale. Collabora con la Protezione civile nazionale, per la quale ha partecipato alla redazione delle Linee guida per la riduzione della vulnerabilità di elementi non strutturali arredi e impianti.

Indice

1. La vulnerabilità degli elementi non strutturali, arredi ed impianti in caso di disastri naturali
1.1 Introduzione
1.2 Rappresentazione del problema (frames) e schemi di azione (scripts)
1.3 Riduzione e gestione del rischio
2. Definizione dei disastri naturali
2.1 Geofisico – Eventi sismici
2.2 Idrogeologico – Alluvioni e nubifragio
2.3 Meteorologico – Tornado e tromba d’aria
3. Eventi e perdite economiche globali
4. Entità dei disastri naturali in Italia
4.1 Eventi rilevanti in Italia
4.2 Perdite economiche in Italia
4.3 Normativa di riferimento
5. Impatto dei disastri naturali sul costruito
5.1 Esempi di danno e stato di emergenza in disastri da alluvione
5.2 Esempi di danno e stato di emergenza in disastri da sisma – L’Aquila 2009
5.3 Esempi di danno e stato di emergenza in disastri da tornado
6. Elementi non strutturali ed incidenza dei danni
6.1 Definizione elementi non strutturali di un edificio
6.2 Evoluzione della normativa degli elementi non strutturali
6.3 Alcuni esempi di danno degli elementi non strutturali
6.3.1 Murature perimetrali e di partizione interna
6.3.2 Superfici vetrate
6.3.3 Pavimentazioni sopraelevate modulari
6.3.4 Soffitti
6.3.5 Controsoffitti
6.3.6 Elementi di arredo
6.3.7 Strumenti elettronici e personal computer
6.3.8 Librerie e scaffali
6.3.9 Scaffalature commerciali
6.3.10 Impianti
6.3.11 Tubazioni
6.3.12 Serbatoi e silos
7. Perdite dirette ed indirette di un disastro naturale
7.1 Perdite dirette ed indirette
7.2 Operatività e business continuity
8. Strategie generali di intervento
8.1 Riduzione del rischio
8.2 Adattamento e capacità di adeguarsi al mutamento
8.3 Recovery come strumento di progetto e di ripristino
Schede
• Strutturale e non strutturale
• Schede estratte da Linee guida per la riduzione della vulnerabilità di elementi non strutturali, arredi ed impianti, 2009
• Schede dell’autore
Indice delle figure
Indice delle tabelle

CHI HA ACQUISTATO QUESTO HA COMPRATO ANCHE

I PIÙ CONSULTATI

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa